Boban Kovac, il serbo
che non risparmiava aces

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

kovac

di Andrea Busiello

Prima degli anni 2000 e precisamente dal 1995 al 1999 sul pianeta Lube era atterrato un serbo, persona distinta tutta d’un pezzo, che i tifosi maceratesi ricorderanno molto ben volentieri per i suoi trascorsi in maglia biancorossa. Ecco a voi Slobodan Kovac per la puntata numero 7 dell’Amarcord biancorosso di Cronache Maceratesi. Kovac da schiacciatore di posto 4 contribuì in maniera fattiva alla crescita della compagine cuciniera e noi tramite le parole del vice presidente biancorosso Albino Massaccesi, cerchiamo di ritornare indietro con il tempo.

Massaccesi partiamo da quando lui arrivò. Fu una trattativa molto difficile per portarlo a Macerata..

“Si, perchè noi lo volevamo a tutti i costi nel nostro primo anno di A1 ma lui era a Gioia del Colle e fu davvero una battaglia per farlo arrivare da noi. In quel momento noi avevamo assoluto bisogno di un giocatore come lui e per noi perderlo sarebbe stato un duro colpo. Alla fine però la trattativa si risolse bene”.

Kovac era un serbo e quindi…

“Era una persona estremamente puntuale e precisa. Lui poteva stare in palestra ad allenarsi anche per 8 ore di fila, non sarebbe successo nulla. Come tutti i serbi anche lui non aveva mezze misure, o tutto o niente. Lui era un grande lavoratore”.

Kovac 1

Un aneddoto clamoroso su di lui non può non essere ricordato però…

“Direi. Era la stagione ’98-’99 e l’ultima partita della regular season la giocammo in casa contro Palermo. Noi tutti sapevamo che stando ai risultati dagli altri campi qualora vincessimo la gara avremmo affrontato Modena nei play off e dunque la sfida con Palermo era meglio perderla. Lui era in panchina quando venne chiamato al servizio sul 14-14 nel tie break ed invece di tirare la palla in curva cosa fa? Mette giù due bombe che si tramutarono in aces e dunque nei quarti di finale ecco materializzarsi Lube-Modena, cosa a noi sgradita”.

Peccato per lui che lasciò poi la Lube con un infortunio…

“Si, fu un vero peccato per noi perchè in quell’anno fu il nostro schiacciatore di riferimento ma un problema alla schiena lo mise ko e dunque finì il ciclo di Kovac alla Lube ma noi lo ricorderemo sempre con grande piacere”.

Adesso che fine ha fatto il serbo?

“Allena in Serbia e la sua squadra ha vinto il campionato dunque nella prossima stagione giocherà, come noi, la Champions league. Allenare una squadra che vince lo scudetto è sempre importante e “Boban” merita i miei più sinceri complimenti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X