Ambulanza multata con l’autovelox.
Scatta il ricorso, sanzione annullata:
il mezzo impegnato in un’emergenza

CIVITANOVA - Un veicolo della Croce verde era diretto a Recanati e passando per Loreto era stata rilevata una velocità di 26 chilometri orari superiore al limite. L'ente, assistito dall'avvocato Maurizio Vallasciani, ha fatto ricorso alla prefettura di Ancona

- caricamento letture
sede-croce-verde-archivio-arkiv-civitanova-FDM-1-650x434

La sede della Croce Verde

La polizia locale multa un’ambulanza, il prefetto archivia la sanzione: il mezzo era impegnato in un soccorso. È successo a Loreto quando una ambulanza della Croce Verde di Civitanova, il 22 dicembre del 2022, è sfrecciata a sirene spiegate lungo la provinciale Bellaluce, verso Recanati. Un autovelox ha rilevato una velocità di 96 chilometri orari quando il limite nel tratto è di 70 chilometri orari.

maurizio-vallasciani-e1707506171628-428x650

L’avvocato Maurizio Vallasciani

Multa: 173 euro e 3 punti da detrarre alla patente del conducente. La Croce verde però ha deciso di fare ricorso perché il mezzo era impegnato in un soccorso in codice rosso. Ad assistere l’ente l’avvocato Maurizio Vallasciani che ha depositato il ricorso alla prefettura di Ancona. Il legale ha allegato la documentazione per dimostrare che l’ambulanza stava viaggiando a quasi cento all’ora perché impegnata in un soccorso. I sanitari stavano andando da una donna di Recanati che si trovava in casa e le cui condizioni erano gravi. Vista la situazione e che il carattere di gravità e urgenza viene attribuito non dagli operatori impegnati nel soccorso ma dalla centrale operativa, il prefetto ha archiviato il verbale. La polizia locale di Loreto nei giorni scorsi ha notificato l’annullamento, effettuato dal prefetto, e ha precisato che al momento dell’accertamento non era noto il codice di gravità assegnato dal 118.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X