Accusato di bancarotta,
imprenditore assolto in appello

MACERATA - Paolo Vissani, 60 anni, era stato condannato a 3 anni e 4 mesi in primo grado. La difesa ha fatto ricorso dopo la sentenza sostenendo che non c'era stata nessuna distrazione di attività commerciali nè danno ai creditori

- caricamento letture
DSC_0315_Corte-dAppello-650x433

La Corte d’appello

Condannato per bancarotta al tribunale di Macerata, assolto in appello l’imprenditore Paolo Vissani, 60 anni. I fatti che gli venivano contestati riguardavano sia la bancarotta che quella preferenziale. Secondo l’accusa l’imprenditore maceratese, tra il 2013 e il 2015 avrebbe distratto una serie di attività commerciali in danno della società cooperativa La Cisterna di Tolentino o accreditando diversi importi ad una diversa azienda sempre a lui riconducibile.

Vissani era inoltre accusato di aver privato la stessa società di alcuni rami d’azienda e punti vendita per corrispettivi del tutto irrisori rispetto al loro reale valore commerciale. Inoltre, continua l’accusa, avrebbe corrisposto, a danno dei creditori, 1,3 milioni di euro con una serie di bonifici riconducibili sempre ad una società a lui collegata ed al fine di privilegiare la stessa non rispettando l’intera massa creditoria.

cofanelli

L’avvocato Gabriele Cofanelli

Il processo di primo grado si era chiuso nel novembre del 2021 con una condanna a 3 anni e 4 mesi.

Dopo la sentenza gli avvocati di Vissani, Gabriele Cofanelli, Samuele Farroni e Benedetta Giustozzi, avevano fatto appello.

Secondo la difesa l’ipotesi di bancarotta per distrazione non si era mai consumata in quanto lo stesso Vissani aveva correttamente anticipato 125mila euro, inoltre non essendosi poi concretizzata l’opzione di acquisto alcun danno era rinvenibile nei confronti del fallimento.

Sulla bancarotta preferenziale, la difesa ha sostenuto: «la circostanza che l’importo di 1,3 milioni di euro, non è stato trattenuto in alcun modo da Paolo Vissani ma in realtà è servito per dare continuità aziendale sia alla Paolo Vissani srl, che alla società Penta, che alla cooperativa La Cisterna, doveva essere valutato in senso favorevole per l’imputato perlomeno in termini di elemento psicologico dello stesso reato».

Per tali ragioni gli avvocati Gabriele Cofanelli, Samuele Farroni e Benedetta Giustozzi, riprendendo la perizia hanno insistito per la totale riforma del processo di primo grado e quindi per l’assoluzione del proprio assistito. «Soluzione integralmente accolta e condivisa dalla Corte d’appello che pertanto ha disposto l’assoluzione dell’imputato» dicono i legali.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X