Corsa alla Spada,
trionfa Muralto

CAMERINO - Il 19enne Marco Ricci ha tagliato il traguardo in 3 minuti e 27 secondi. Il Palio è andato a Di Mezzo con 194 punti

- caricamento letture
corsa-spada-5-650x380

L’esultanza dei vincitori

di Monia Orazi

Camerino fa un salto nel medioevo, la spada a Muralto e il Palio a Di Mezzo, nell’edizione 42 della rievocazione storica della Corsa alla spada e Palio. La corsa delle emozioni, del ritrovare quei vicoli troppo silenziosi ma tanto amati, è andata in scena oggi pomeriggio nel cuore del centro storico, riaperto nell’occasione e tornato ad essere interamente percorribile solo ieri, quando è stato riaperto anche il tratto di via Lili, dopo il termine della messa in sicurezza post terremoto.

corsa-spada-3-650x601La spada è andata al 19enne Marco Ricci di Muralto, che ha tagliato il traguardo dopo 3 minuti e 27 secondi, il Palio a Di Mezzo con 194 punti. Staffetta Rosa a Sossanta con Ilaria Crucianelli ultima a tagliare il traguardo. Una corsa al cardiopalma, con il primo tratto dominato dal veterano Andrea Michiorri di Di Mezzo, poi all’imbocco di corso Vittorio Emanuele è iniziato il testa a testa tra Marco Ricci e Michele Bami, con Ricci che ha ottenuto un netto vantaggio diventato poi incolmabile fino al traguardo di fronte a Santa Maria in via, sotto agli occhi dei signori Da Varano per un giorno il dottor Leonardo Pasotti primario di ortopedia dell’ospedale di Camerino e la moglie Morena.

La spada è tornata a Muralto dopo due anni, quando era stata vinta da Lorenzo Antonelli. Secondo Michele Bami di Sossanta. Ha commentato a caldo il vincitore: «Questa è un’emozione che l’atletica non mi ha mai dato, non mi sembra vero quello che sto provando, questo è uno dei giorni più belli della mia vita».

Tante emozioni per atleti, pubblico e partecipanti alla rievocazione storica, che come ha detto il sindaco Roberto Lucarelli: «Ha riportato sorrisi e presenze in centro, dove ormai il silenzio dura da sette anni, troppo tempo». In tanti hanno ripercorso quelle vie chiuse da sette anni, con le abitazioni puntellate e vuote, testimoni silenti delle ferite del terremoto non ancora sanate. A fare da guida nell’intenso pomeriggio le voci storiche della corsa, Stefano Falcioni e Donatella Pazzelli, quest’anno al suo debutto come presidente dell’associazione Corsa alla Spada. Non sono mancati momenti di spettacolo, con i gruppi storici che fanno da contorno alla festa ed ospiti speciali dell’Umbria gli sbandieratori di Città della Pieve e la compagnia del Grifoncello.

corsa-spada-4-650x360

corsa-spada-2-650x354

corsa-spada-1-650x359



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X