“Il sogno, il caffè, la poesia”:
un festival in quattro comuni

SPETTACOLI, presentazioni di libri e un originale instameet, per vivere il territorio in modo innovativo e multidisciplinare. Il programma degli appuntamenti a Ripe San Ginesio, Tolentino, Sarnano e Sant'Angelo in Pontano

- caricamento letture

 

Giorgio-Biferali

Giorgio Biferali

Teatro Valmisa, con il contributo della Regione Marche e in collaborazione con l’Unione Montana dei Monti Azzurri, organizza il festival “Il sogno, il caffè, la poesia”. In quattro comuni, nel mese di marzo, si svolgeranno spettacoli, presentazioni di libri e un originale instameet, per vivere il territorio in modo innovativo e multidisciplinare. «L’Unione Montana ha aderito al progetto nella convinzione che la valorizzazione dei borghi possa avvenire anche promuovendo eventi culturali che possano contribuire all’attrattività dei territori – si legge nella nota degli organizzatori -. Il festival muove dall’ispirazione poetica di Giacomo Leopardi che nelle Rimembranze per primo definisce monti azzurri questo territorio della nostra regione. Alla sollecitazione leopardiana fa seguito il verso di una poesia di Frida Kalho, da cui il festival ha preso il nome. Teatro Valmisa, organizzatore del Festival, immagina il progetto come un piccolo omaggio alla bellezza e alla scoperta dei luoghi, un modo per coniugare la tradizione al contemporaneo grazie al teatro, alla letteratura, alla musica e al digitale, declinati in una chiave popolare e ipercontemporanea».

Spettacolo-Dream

Spettacolo Dreams

Il primo degli appuntamenti in programma è per sabato 11 marzo alle 18 al centro culturale “Pasquali”, in piazza Vittorio Emanuele II a Ripe San Ginesio con Giorgio Biferali, giornalista e saggista, ed Emanuele Trevi, critico letterario e scrittore, in un dialogo su Pasolini partendo dal libro “Qualcosa di scritto” di Trevi e dal racconto di Biferali su Pasolini “Finchè siamo vivi”, uscito nell’antologia “Nuvole corsare”. Un omaggio nel segno della poesia a un grande intellettuale del Novecento, Pier Paolo Pasolini, di cui è appena trascorso il centenario della nascita a cui Trevi dedica, attraverso la storia dell’Archivio Pasolini, un ritratto inedito. Il libro, che narra dell’incontro di un giovane scrittore con l’opera di Pier Paolo Pasolini, è edito da Ponte alle Grazie e nel 2012 è arrivato secondo al Premio Strega.

Domenica 19 marzo, il festival si sposta al Politeama di Tolentino dove alle 18 ci sarà lo spettacolo Teatrale “Dreams”, un omaggio alla capacità che ha l’uomo di determinarsi in un sogno di realizzazione e miglioramento. Scritto da Angelo Carbone, diretto da Marco Nateri, lo spettacolo vedrà in scena gli attori Ivan Castiglione, Lucia Bendia, Domizia Russo e Roberto Scorza. “Dreams” nasce come progetto teatrale europeo nell’ambito del Creative Europe ed è stato rappresentato in Spagna, Danimarca e Belgio dopo aver debuttato al Festival Adriatico Mediterraneo nell’estate 2021.

Orazio-Spoto-Presidente-instagramers-Italia

Orazio Spoto, presidente instagramers Italia

Sabato 25 marzo a Sarnano, in collaborazione con il Comune, residenti e turisti potranno immergersi in una intensa giornata di eventi divisa in tre parti. Si inizia con il primo Instameet dedicato ai Monti Azzurri con partenza in piazza Benedetto Perfetti alle 11. L’Instameet è un evento organizzato da una o più community presenti su Instagram, è un modo in cui coloro che condividono la passione per questo social network e per la fotografia, si incontrano e pubblicano foto con hashtag predefiniti su un determinato tema. L’obiettivo principale è quello di diffondere e promuovere la cultura fotografica e l’utilizzo consapevole di Instagram e della fotografia come strumento per la valorizzazione del patrimonio culturale e turistico del nostro Paese. In una passeggiata guidata da Orazio Spoto, presidente nazionale dell’associazione Instagramers Italia, i partecipanti avranno l’occasione di approfondire il funzionamento dei social network anche in ambito professionale. Al termine dell’Instameet alle 13, è previsto un dj set green ambientale, una selezione di suoni a cura di dj e selector che, in relazione con l’ambiente, costruiranno percorsi sonori alla scoperta di nuove dimensioni di relazione fra uomo e habitat naturale. L’organizzazione di questa parte di giornata sarà curata da Medioera, uno dei più importanti festival italiani sulla cultura digitale. La giornata chiuderà alle 18 nella sala consiliare con lo “Spazio caffè”, in cui Massimiliano Capo, direttore artistico di Medioera, esperto di comunicazione digitale, dialogherà con Federico Meschini, docente di informatica umanistica presso l’Università della Tuscia. Titolo del panel “Grande è la disinformazione sotto il cielo”.

Domenica 26 marzo, l’ultima tappa del festival porterà al teatro Angeletti di Sant’Angelo in Pontano, dove alle 18 il festival chiuderà con lo spettacolo teatrale “Who is me”, coprodotto da Teatro Valmisa, MediArteCultura e Fattore K, tratto dal libro “Il poeta delle ceneri” di Pasolini, interpretato da Lucia Bendia, con selezione musicale dal vivo a cura di dj Fantasma. Il progetto teatrale ha preso parte alle manifestazioni del comune di Roma legate al centenario pasoliniano dell’anno 2021. Si ricorda che tutti gli ingressi agli eventi sono gratuiti.

Per informazioni è possibile contattare il numero 3356183690 o scrivere a teatrovalmisa@gmail.com o mario.bendia@gmail.com.

Il-sogno-il-caffe-la-poesia-

Il programma



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X