Sperà l’oe

LA DOMENICA con Mario Monachesi

- caricamento letture
mario_monachesi-1-e1665904159765-325x250

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Quanno la vergara se ‘ccurghja che ‘na gajina, su la coa do’ fetava, se ‘bbioccava, la pijava, la mittia dentro un cistu co’ la paja e sotto je sistemava l’oe da coà’ (covare) per faje fa’ li purginelli. De solitu ventuno. L’oe duvia èsse sempre dispere, ‘n’antica credenza dicia che se adèra in nummeru paru la coata java a male, non portava vè’.
‘Na orda a jornu la viocca vinia pijata, mista sotto ‘na crina (cesto un po’ più grande fatto di legami) e fatta magnà’ e bé’, je se dacia lo granturco e ‘n po’ d’acqua. Finito vinia rmista co’ dilicatezza a postu.
Dopo jeci / quindici jorni, se sperava l’oe, cioè se vidia come prucidia la faccenna.
Ou per ou se guardava controluce davanti a ‘na cannela. Quelle che se vidia tutte piene adèra voje, cattie e allora se vuttava via, quelle che immece da capo se vidia vote adera vone e se rmittia a postu sotto la viocca.
*
“Non contà’ li purginelli prima che sia scappati dall’ou”.
*
Una vecchia filastrocca racconta “La settimana del pulcino”:
Lunedì chiusin chiusino,
martedì bucò l’ovino,
sbucò fuori mercoledì,
pio, pio, pio giovedì,
venerdì fa un bel saltino,
beccò sabato un granino,
la domenica mattina
aveva già la sua crestina.
*Li purginelli cuminciava a pizzà’, cioè a roppe la coccia dopo circa ventuno jorni. Appena scappati la vergara li mittia dentro ‘na canestrella co’ ‘na pezza per tenelli calli e per magnà’ je dacia robba tennera, lo gra’ o lo granturco sfarato (macinato). Quanno avia pizzato tutti se rdacia a la viocca cuscì cuntinuava a sta’ calli.
Lu cistu co’ viocca e oe se tinia dentro lu stalló’, un situ a pianterré’, a muru co’ la stalla, vène chjusu e protettu, do’ l’ommini tinia l’attrezzi come zappe, vanghe, rastelli, scope e atre cose.
Ogni gajina doventa viocca più o mino ‘na orda l’annu.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X