Morti nell’ambulanza
schiacciata dal tir:
l’addio a Simone e Cosimo

SENIGALLIA - L'ultimo saluto al 28enne dipendente della Croce Rossa si svolgerà domani nella chiesa San Giuseppe Lavoratore alla Cesanella. Venerdì, nella parrocchia di Santa Maria della Pace, quelli del paziente 81enne trasportato dal mezzo di soccorso ridotto a un ammasso di lamiere dopo essere stato travolto dal rimorchio rovesciatosi sulla Ss76 a Chiaravalle
- caricamento letture
simonesartini

Simone Sartini

Saranno certamente in tantissimi, amici, conoscenti e cittadini, a dare un saluto a Simone Sartini, il dipendente della Croce Rossa deceduto nel tragico incidente avvenuto lunedì intorno a mezzogiorno, lungo la Ss76 a Chiaravalle, nei pressi del casello di Ancona Nord.

Il ragazzo, alla guida del mezzo Cri, perse la vita insieme al paziente 81enne Cosimo Maddalo. Ferito con una prognosi di oltre 40 giorni, il collega della Croce Rossa Serse Caldarella di 59 anni.
Simone Sartini, originario di Chiaravalle, viveva a Senigallia.
I funerali si svolgeranno domani alle 14.,0 nella chiesa San Giuseppe Lavoratore alla Cesanella di Senigallia.
Simone lascia la mamma Floriana, la sorella Chiara e il papà Giampiero. La tumulazione avverrà nel cimitero Maggiore Le Grazie.
Un dolore incessante quello per la morte di Simone Sartini.
«Abbiamo atteso più di qualche ora – fa sapere il Segretario Nazionale della Ugl Salute, Gianluca Giuliano – per riordinare le idee e fare in modo che lo spazio occupato dal dolore lasciasse il posto a quello del ricordo. Il ricordo di Simone Sartini, uno di noi, un operatore sanitario, un componente di una squadra dell’emergenza urgenza scomparso nel drammatico incidente che il 28 novembre ha visto coinvolta la sua ambulanza con un autoarticolato.

Cosimo-Maddalo

Cosimo Maddalo

Simone – continua – aveva solo 28 anni ed era un ragazzo al servizio della gente. Non solo per il ruolo in ambito sanitario ma soprattutto per la generosità con cui affrontava ogni istante della sua giovane esistenza. Quella strappata via in un attimo e che ci porta a ricordare le terribili condizioni in cui gli operatori sanitari dell’emergenza-urgenza si trovano quotidianamente ad operare. E nel suo ricordo, e in quello dei tanti colleghi scomparsi durante il servizio, la Ugl Salute porterà avanti con ancora fermezza le battaglie per la sicurezza sul lavoro e per una riforma del servizio dell’emergenza-urgenza che dia sempre maggiore dignità e certezze a chi vi opera. Concludo dedicandogli, da parte di tutta la Ugl Salute, le parole di una struggente canzone di Francesco Guccini:…voglio però ricordarti com’eri, pensare che ancora vivi, voglio pensare che ancora mi ascolti e che come allora sorridi…».

Fissati anche i funerali del paziente Cosimo Maddalo, che lascia la sorella Maria, il fratello Mario con Rosaria e i nipoti. Si terranno venerdì, alle 10, nella chiesa parrocchiale di Santa Maria della Pace.

Ambulanza schiacciata dal tir: indagato il camionista, sequestrata la scatola nera

La tragedia di Simone Sartini schiacciato in ambulanza dal container «E’ una perdita per la Cri. Per tutti»

«La tragedia un metro avanti a me Sono un miracolato»

Schianto fatale in Superstrada: le vittime hanno 27 e 83 anni

Il rimorchio del tir si ribalta e schiaccia un’ambulanza: due morti e tre feriti (Foto/Video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X