La nebbia lascia
lu tempu che troa

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario_monachesi-e1668852199847-325x216

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

“Adè ‘na nuola de piccole gocce d’acqua a contattu co’ la tera, quanno fa friddo e c’è pocu ventu. La prima snebbiata che se presenta dopo l’estate ‘nzenga (indica) che l’autunno sta ‘rriènno. Pò esse magica e ‘ffascinante ma gnisciù sa, armino quella de le parti nostre, a che serve perdaero. Forse a fa’ Biasi’ chj ci-ha da fa’ jó pe’ li campi o deve jì in gniru pe’ atre cose.
nebbia_foto_roberto_migliori-3-325x158Secondo arcuni proverbi, invece, serve eccome, da che ‘nformazió’ utele (utile) sia su lu tempu che quarghe ‘ndicazió’ a la campagna: “Tre nebbie fa ‘na piogghja”; “Nebbia a la costa, acqua che se ‘ccosta”; “Se lu sole va jó nibbiusu, lu jornu dopo non è pjuusu”; “Tanta nebbia in autunno, tanta née d’inverno”; “Nebbia su li monti, acqua a le fonti”; “Nebbia de marzu male non fa, ma ad aprile pa’ e vì’ a metà”; “Tanta nebbia de marzu, tanti temporali d’istate”; “La nebbia de marzu non fa male a gnisciù”; La nebbia fa maturà li fichi”; “Nebbia d’ottobre e piogghja de novembre, fa calà’ jó tanti vèni (beni) dar cielo”; “Nebbia vassa bon tempo lassa”; “Nebbia al monte pija la zappa e vatte a nasconne”; “Dopo la nebbia vène la née”; “Cielo rasato, nebbia leggera, porta bel tempo da mane a sera”.
*
nebbia_foto_roberto_migliori-6-325x158Però è poeteca, ha fatto scrie a ‘na marea de poeti, da Carducci (“La nebbia agli irti colli piovviginando sale…”) a Pascoli, da Ungaretti a Campana, ecc”.
Il nome ha origini greche e latine, e in realtà non significa altro che nuvola (come già accennato sopra, all’inizio del pezzo).
“Speciarmente ‘na orda, quanno la jente ce se ‘bbattia, se ‘sprimia (esprimeva) in più modi: “C’è ‘na nebbia che se taja co’ lu curtellu”; “C’è ‘na nebbia che non se vede ‘na ma’ avanti l’occhj”; “Do’ vai co’ ‘stu tempu, a ‘nfiascà’ la nebbia?”; “Do’ vai co’ ‘stu tempu, a ‘nsaccà’ la nebbia?”.
Adè nebbia se lo vedecce ‘rria a mino de 500 metri, se ‘rria a mino de 200, adè nebbia fitta e se po’ ttroà’ sia su lo ardo che su lo vasso, sia de jornu che de notte, sia a banghi che tuttu un cuntinuu.
nebbia_foto_roberto_migliori-3-325x158Per finì’ de raccontà’ ‘stu fenominu de la natura, ecco atri quattro proverbi:
“Chj adè sculacciatu da la nebbia, è sculacciatu anche da lu ventu”;
“La nebbia lascia lu tempu che troa”;
“La nebbia e li preti non viagghja per gnènte”;
“La predeca adè come la nebbia, lascia lu tempu che troa”

(Foto scattate giovedì nelle campagne maceratesi dal nostro lettore Roberto Migliori)

nebbia_foto_roberto_migliori-2-650x316

nebbia_foto_roberto_migliori-5-650x316



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X