Turisti sotto la torre (Foto)
Sempre meno i gruppi organizzati,
aumentano le piccole comitive

MACERATA - Piazza della Libertà alle 12 diventa il punto di incontro dei visitatori presenti in città e, in modo non scientifico, offre un quadro delle presenze. Tra i nodi da risolvere, un maggior numero di posti letto e un mezzo di trasporti che accompagni il pubblico dello Sferisterio in centro prima degli spettacoli
- caricamento letture
TURISTI_MACERATA-8-650x488

Turisti in piazza oggi alle 12

di Alessandra Pierini (foto di Fabio Falcioni)

Non è certo un metodo scientifico, ma per capire le “dimensioni” del flusso turistico a Macerata, ci si può affacciare in piazza della Libertà alle 12 in punto quando i turisti presenti in città, armati di telefonino, si danno appuntamento sotto la Torre dei Tempi per assistere al carosello dei Magi.

TURISTI_MACERATA-4-325x244E questa mattina, come nei giorni scorsi, erano molti i visitatori che hanno scelto il capoluogo per trascorrere una giornata all’insegna della cultura. Si tratta per lo più di piccole comitive o di arrivi alla spicciolata. Sempre meno sono i pullman di gite organizzate, il che vuole dire che la sfida per chi si occupa del turismo cittadino sarà intercettare questo movimento e proporre esperienze studiate per piccoli gruppi. Probabilmente un lascito della pandemia che ha scoraggiato le partenze in grandi gruppi. Buono anche il flusso di turisti stranieri, molti alloggiano nei centri dell’entroterra.

TURISTI_MACERATA-3-325x244A confermarlo anche le presenze agli spettacoli dello Sferisterio che vedono per l’80% spettatori italiani e per il 20% stranieri. Tra i Paesi più rappresentati il Regno Unito che può contare su un volo diretto da Ancona, poi la Francia e i Paesi Bassi. Quest’anno c’è stato anche un certo interesse da parte degli Usa con un flusso che riguarda soprattutto studenti. Tra i nodi da risolvere ogni volta che si parla di turismo, non hanno ancora trovato soluzione la questione relativa al dove dormire.

TURISTI_MACERATA-2-325x244Alberghi e strutture di accoglienza vanno presto in overbooking, specie nei mesi estivi, scoraggiando quanti passerebbero volentieri qualche tempo più in città. D’altra parte però, ristoratori, esercenti e strutture di accoglienza non hanno apprezzato la scelta del Macerata Opera Festival di modificare la formula consolidata della stagione per cui in uno stesso fine settimana venivano alternate opere differenti. nel programma in corso, infatti, venerdì e domenica offrono la stessa opera, scoraggiando secondo gli operatori la permanenza un giorno in più. Altra questione, discussa da tempo, è quella relativa alla difficoltà per il pubblico dello Sferisterio, a raggiungere il centro della città, soprattutto prima dell’inizio dell’opera. Gli spettatori, ben vestiti e in molti casi agé trovano grosse difficoltà a raggiungere la piazza, avventurandosi per le Scalette, e ad arrivare qualche ora prima per godersi Macerata. La soluzione potrebbe essere un mezzo di trasporto dedicato, magari meno appariscente del trenino di caranciniana memoria.

TURISTI_MACERATA-1-650x366

TURISTI_MACERATA-7-650x488

 

TURISTI_MACERATA-6-650x488

TURISTI_MACERATA-5-650x488

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X