Tentata estorsione a un commerciante:
«Paga o ti mettiamo
tre prostitute davanti casa»

PORTO RECANATI - Arrestati due 37enni, Cataldo Cicciù e Pierluigi Tetta, residente a Potenza Picena. Avrebbero cercato di ottenere mille euro da un commerciante. L'uomo sarebbe stato schiaffeggiato. Con una mazza da baseball danneggiato un furgone di sua proprietà
- caricamento letture

 

carabinieri-archivio-arkiv-notte

(Foto d’archivio)

 

di Gianluca Ginella

«Paga o ti mettiamo tre prostitute davanti casa», il riferimento sarebbe stato ad un favore che un commerciante aveva chiesto a due uomini per far spostare una squillo che stava davanti alla sua abitazione. In cambio i due uomini avrebbero preteso il pagamento di mille euro. I fatti sarebbero avvenuti a Porto Recanati, i carabinieri hanno arrestato due persone per il presunto tentativo di estorsione. Si tratta di Cataldo Cicciù, 37 anni, e di Pierluigi Tetta, 37, residenti a Potenza Picena. I due uomini, il 7 giugno scorso, sarebbero entrati nel cortile della casa dell’uomo con una mazza da baseball. Avrebbero chiesto i mille euro, al rifiuto la situazione, dicono gli inquirenti, è degenerata. Il commerciante sarebbe stato schiaffeggiato da Cicciù che poi con una mazza da baseball avrebbe spaccato il finestrino lato guida del camioncino di proprietà del commerciante che era parcheggiato davanti casa. Avrebbero fatto anche minacce dicendo cose tipo «Ti devo sparare ti devo ammazzare, non la passi liscia». Su questo episodio sono partite le indagini del Nucleo operativo della Compagnia di Civitanova con il Nucleo investigativo dei carabinieri di Macerata e delle stazioni di Porto Potenza e Porto Recanati. La procura ha chiesto e ottenuto una misura cautelare per entrambi. I due uomini la scorsa notte sono stati arrestati per estorsione, violazione di domicilio, danneggiamento. Uno di loro, Cicciù, è stato fermato al casello autostradale di Civitanova, mentre a bordo di una utilitaria era di rientro dal suo paese di origine insieme al fratello. Tetta è stato invece arresto nella sua abitazione, a Potenza Picena, dove i militari hanno trovato anche 64 grammi di cocaina, bilancino elettronico di precisione e 1.300 euro in contanti ritenuti provento di spaccio (da qui l’arresto in flagranza di reato per spaccio di droga, oltre a quello legato alla misura cautelare). I due arrestati sono assistiti dall’avvocato Simone Santoro, e si trova in carcere a Montacuto di Ancona.

(Ultimo aggiornamento alle 16)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =