Un Ascoli da sogno
vince ancora in trasferta
e mette in cassaforte i play off

SERIE B - A Cremona finisce a 0 -1. Undicesima vittoria esterna e settimo posto inattaccabile, il quarto è solo a due lunghezze. Impazziti di gioia i 400 tifosi al seguito, ma a sognare è l'intero popolo bianconero. Gara decisa dal gol di Baschirotto. Leali non ha corso rischi. Botteghin e Bellusci di un altro pianeta. Il direttore sportivo maceratese Marco Valentini ha rinnovato il contratto fino al 30 giugno 2024
- caricamento letture
IMG-20220430-WA0041
di Andrea Ferretti
Undicesima vittoria esterna al termine di 94 minuti impeccabili. L’Ascoli non si ferma più e, comunque vadano i play, questa stagione resterà impressa per anni ai suoi tifosi e ai suoi avversari. Da tre punti il gol a inizio ripresa dell’incredibile Baschirotto. E Leali non solo non rischia mai, ma si concede pure un paratone in un’azione poi annullata per un fuorigioco. Sottil le azzecca tutte, anche i cambi risulteranno perfetti. I playoff sono matematicamente in tasca. Al Picchio il 7° posto non lo toglie più nessuno. Non solo, ma è ancora matematicamente possibile l’aggancio al 4° posto, dove c’è il Pisa con due punti in più. Le prestazioni dei singoli? Tutte super, ma Botteghin e Bellusci sono stati monumentali, un muro invalicabile. Ascoli-Ternana del 6 maggio non sarà solo una passerella. In settimana il direttore sportivo maceratese Marco Valentini ha rinnovato il contratto con il clun bianconero fino al 30 giugno 2024.

IMG-20220430-WA0039-300x225

L’abbraccio a Baschirotto dopo il gol

LE PREMESSE – Con oltre quattrocento tifosi al seguito, l’Ascoli affronta la Cremonese con il consueto 4-3-1-2. Le novità rispetto al pari col Cittadella al “Del Duca” sono Tasadjout al fianco di Bidaoui, con Dionisi che parte dalla panchina, e con il ritorno di Bellusci in difesa accanto a Botteghin, al posto di Quaranta. Dietro alle punte c’è subito Maistro. Allo “Zini” è record stagionale sia di spettatori (13.000 persone sugli spalti) che di incasso. Sul fronte opposto, quasi speculare il 4-2-3-1 di Pecchia.

IMG-20220430-WA0035-300x225

I tifosi del Picchio allo “Zini”

PRIMO TEMPO – Al 6′ la prima conclusione è di Ciofani, ma è sbilenca, nessun problema. All’11 Ascoli vicino al gol, o meglio all’autogol, quello che sta per accadere con la deviazione di Valeri sul centro di Collocolo: la palla scorre davanti a tuta la linea di porta, ma non c’è nessuno a spingerla dentro. La gara scivola sui binari dell’equilibrio, ma in campo non ci sono sconti per nessuno, e infatti alla mezzora gli ammoniti sono già cinque. Al 39′ la prima conclusione in porta è bianconera, il tiro di Bidaoui da dentro l’area è pero fiacco, nessun problema per Carnesecchi. Al 44′ il cross di Buonaiuto diventa un tiro e Leali respinge coi pugni.

IMG-20220430-WA0034-300x225

Sottil

SECONDO TEMPO – L’Ascoli torna in campo senza Salvi, ammonito e autore di quarantacinque minuti così così. Al sup posto c’è Baschirotto. E proprio Baschirotto sblocca il risultato al 6′ su cross della bandierina di Maistro. Palla sul primo palo, il difensore si tuffa di testa tra quattro difensori fermi. Palla prima nel sacco e poi al centro: 0-1. Pecchia corre ai ripari con una tripla sostituzione: Fagioli, Di Carmine e Zanimacchia per Valzania, Castagnetti e Ciofani. Sottil risponde subito con Caligara per Buchel, ammonito e quindi a rischio rosso. In mezzo al campo non cambia nulla perchè Caligara si mette al centro come ha fatto diverse volte in passato. Al 18′ Di Carmine è in fuorigioco di un metro e mezzo, ma siccome ora queste irregolarità vengono fischiate il giorno dopo, l’azione prosegue e Leali si concede il miracolo su Zanimacchia. Ma tanto era tutto finto. L’Ascoli fa girare la palla, la Cremonese gioca a trazione anteriore come è logico che sia. Bidaoui prova ad innescare qualcosa a sinistra, ma Pecchia per lui ha previsto qualcosa più di un raddoppio. Al 24′ è Saric a divorarsi il raddoppio. La sua incursione è vincente, la porta sembra spalancata, ma si attarda a calciare e Okoli salva la baracca. Pecchia getta nella mischia un altro attaccante ancora, Strizzolo, per Buonaiuto. Poi al 40′ entrano D’Orazio per Falasco e Dionisi per Bidaoui. Nella Cremonese fuori Valeri, dentro Rafia. La Cremonese continuad attaccare ma l’Ascoli resta lucido fino al 94′. Arriva il triplice fischio, è fatta.

Il tabellino:
IMG-20220430-WA0038-300x180CREMONESE (4-2-3-1): Carnesecchi; Sernicola, Ravanelli, Okoli, Valeri (40’st Rafia); Valzania (11’st Fagioli), Castagnetti (11’st Zanimacchia); Baez, Gaetano, Buonaiuto (30’st Strizzolo); Ciofani (11’st Di Carmine). A disposizione: Ciezkowski, Sarr, Fiordaliso, Meroni, Crescenzi, Casasola, Gondo. Allenatore: Pecchia
ASCOLI (4-3-1-2): Leali; Salvi (1’st Baschirotto), Botteghin, Bellusci, Falasco (40’st D’Orazio); Collocolo, Buchel (13’st Caligara), Saric; Maistro (22’st Paganini); Tsadjout, Bidaoui (40’st Dionisi). A disposizione: Guarna, Quaranta, Tavcar, Eramo, Fontana, Ricci, Iliev. Allenatore: Sottil

Arbitro: Manganiello di Pinerolo (assistenti Margani di Latina e Grossi di Frosinone, quarto ufficiale Marotta di Sapri, Var Piccinini di Forlì, Avar Schirru di Nichelino)

Rete: 6’st Baschirotto

Note: ammoniti Valeri (C), Buchel (A), Collocolo (A), Castagnetti (C), Salvi (A), Ravanelli (C) per gioco falloso. Recupero 0’+4′

Pulcinelli-e-Marco-Valentini

Patron Pulcinelli e il ds Valentini

Pulcinelli-e-Marco-Valentini-1-650x650

tifosi-ascoli-a-cremona



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =