Indagine sullo spaccio di eroina,
migliaia di cessioni nel capoluogo:
3 condanne, 7 a giudizio e altri non si trovano

MACERATA - Sentenze oggi dal gup relativamente ad una delle indagini nate in seguito alla morte di Pamela Mastropietro. Tutti nigeriani gli imputati, che devono rispondere, a vario titolo, di svariate cessioni di droga. Per tre di loro oggi c'è stata la sentenza con pene che vanno da 6 mesi a oltre 5 anni
- caricamento letture

Polizia_Archivio_Arkiv_FF-12-650x434

 

di Gianluca Ginella

Indagini sullo spaccio di eroina a Macerata nate dopo la morte di Pamela Mastropietro, uccisa nel gennaio del 2018 dal nigeriano Innocent Oseghale: tre condanne nell’ambito di una inchiesta che ha messo sotto la lente migliaia di cessioni di droga avvenute nel capoluogo.

Diciotto le persone, tutte nigeriane, che erano finite nel fascicolo di una indagine della Squadra mobile di Macerata e ora sotto accusa davanti al gup Domenico Potetti. Sette di loro sono irreperibili (udienza rinviata), uno aveva patteggiato, altri sette sono stati rinviati a giudizio e tre sono stati condannati oggi in abbreviato con pene da sei mesi a oltre 5 anni. Tra questi tre, il giro di spaccio maggiore veniva contestato a John Osaghae, 26 anni, nigeriano, residente a Fabriano.

piccinini

L’avvocato Nicola Piccinini

L’accusa, sostenuta dal pm Vincenzo Carusi, parla, in uno dei capi di imputazione, di 180 cessioni di eroina di cui il 26enne riceva le richieste da un cliente con consegne che poi venivano effettuate da un altro degli imputati, tra il dicembre 2019 e il giugno 2020 a Macerata. Per un guadagno che l’accusa ritiene essere stato di 10.800 euro per 180 grammi di stupefacente ceduto. Ad un altro cliente Osaghae, insieme a due persone, tra cui Friday Okocha, 26 anni, nigeriano, residente ad Alessandria, pure lui condannato oggi, avrebbe venduto eroina, in 200 occasioni, tra giugno e novembre 2019.

Ancora Osaghae ad un’altra persona avrebbe venduto eroina in 730 occasioni, tra gennaio e dicembre del 2019, per un guadagno di 18mila euro. Altre 320 cessioni le avrebbe fatte a 5 clienti, tra giugno 2019 e giugno 2020. Per la terza persona condannata Success Chikwendu, 31, nigeriano, residente a Loro Piceno, l’accusa parla di cessioni di eroina a tre clienti: per uno di loro si parla di più cessioni, per un altro di una dose al giorno dal 2018 al giugno 2019, per un terzo di più cessioni dal 2018 all’estate 2019.

LE SENTENZE – Osaghae, difeso dall’avvocato Nicola Piccinini, è stato condannato a 5 anni e 4 mesi. Okocha, tutelato dal legale Luca Corbellini, è stato condannato a 3 anni e 4 mesi. Per Chikwendu, assistito anche lui da Piccinini, il gup ha deciso una pena di 6 mesi, in continuazione con una precedente condanna a un anno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =