Impiegato in smart working
coltiva marijuana nell’armadio

CIVITANOVA - Sotto accusa un 55enne che ha patteggiato un anno e sei mesi. La Finanza ha trovato le piante nel corso di una perquisizione legata ad altri fatti
- caricamento letture

tribunale-2-650x548

 

Coltiva marijuana durante la pandemia mentre da casa lavora in smart working, a tradirlo è stata una perquisizione della Guardia di finanza indirizzata ad un suo parente e per tutt’altra vicenda.

Questo in sintesi quanto accaduto ad un 55enne di Civitanova che nel giugno 2020 trascorreva le sue giornate in casa a causa della pandemia e con la possibilità di fare lo smart working. Il 20 di giugno di quell’anno però si sono presentati i finanzieri per fare una perquisizione all’interno di un garage in uso sia al 55enne che ad un suo parente. In realtà l’obiettivo dei finanzieri era un controllo legato al parente e per una vicenda che nulla aveva a che fare con la droga. I militari però nel corso della perquisizione hanno aperto un armadio e hanno trovato le piantine di marijuana.

Nel complesso oltre 130 grammi di marijuana. Il 55enne è finito sotto accusa per spaccio. I suoi legali, gli avvocati Maurizio Vallasciani e Alessia Pepi, hanno definito un patteggiamento con la procura. Ieri il gup Domenico Potetti ha accolto il patteggiamento: 1 anno e sei mesi e pena sospesa per il 55enne.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni = 1