“Un tram che si chiama desiderio”
Riparte la stagione al Vaccaj

TOLENTINO - Mercoledì 19 gennaio, unica data nelle Marche, in scena alle 21,15 uno dei capolavori di Tennessee Williams
- caricamento letture

 

1.DAbbraccio-Pecci-325x386

Mariangela D’Abbraccio e Daniele Pecci

 

Riparte la stagione di prosa 2022 del teatro Vaccaj di Tolentino. Mercoledì 19 gennaio, unica data nelle Marche, uno dei capolavori di Tennessee Williams rivive in tutta la sua potenza sul palcoscenico alle 21.15. “Un tram che si chiama desiderio” è un titolo «conosciuto in tutto il mondo, che ancora oggi genera interesse ed emozione – si legge nella nota -. La leggenda vuole che fosse proprio su un tram, su cui girovagava da studente, che il giovanissimo Tennessee Williams abbia fantasticato sull’opera in grado di svelare il lato oscuro del sogno americano. Un tram che si chiama desiderio divenne il capolavoro di Williams, un testo amato, odiato, conosciuto in tutto il mondo, una pietra miliare del teatro e del cinema che ha squarciato prepotentemente il velo sulla macchina oppressiva della famiglia, su falsità e pregiudizi, sulla feroce stupidità delle paure morali».

Il dramma, premio Pulitzer nel 1947, mette per la prima volta l’America allo specchio, di fronte a temi come l’omosessualità, il sesso, il disagio mentale, la famiglia come luogo non proprio raccomandabile. Il testo è ambientato nella New Orleans degli anni Quaranta e narra la storia di Blanche che, dopo che la casa di famiglia è stata pignorata, si trasferisce dalla sorella Stella, sposata con un uomo rozzo e volgare di origine polacca Stanley. Blanche è alcolizzata, vedova di un marito omosessuale, e cercherà, fallendo, di ricostruire un rapporto salvifico con Mitch, amico di Stanley. Ma il violento conflitto che si innesca fra lei e Stanley, la porterà alla pazzia.

La regia è affidata ad un grande maestro di fama internazionale: Pier Luigi Pizzi, fondatore con Giorgio De Lullo, Romolo Valli e Rossella Falk della “Compagnia dei giovani”. A dare voce agli animi tormentati dei protagonisti sono due grandi interpreti del teatro italiano: il ruolo di Blanche Du Bois è affidato a Mariangela D’Abbraccio, reduce dai successi di Filumena Marturano; nel ruolo di Stanley Kowalski, che fu di Marlon Brando, Daniele Pecci. Biglietti in vendita su vivaticket.com, nelle biglietterie del circuito Amat/Vivaticket e al botteghino del teatro, aperto da lunedì 17 gennaio, con orario 18-20. Si ricorda agli spettatori che, secondo le normative attualmente in vigore, l’accesso in teatro è consentito solo in possesso del Green Pass Rafforzato e con mascherine di tipo FFP2, tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.teatrovaccaj.it/sicuri-a-teatro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X