Al lavoro per riparare una caldaia,
cade dalle scale: morto un 56enne

PORTO RECANATI - Luciano Berruto, campano, residente da molti anni a Recanati, era al lavoro in via Martin Luther King quando è avvenuto l'incidente, verso le 18. Lascia la moglie e due figli
- caricamento letture
luciano-berruto

Luciano Berruto

 

di Laura Boccanera

Precipita da una scala mentre è al lavoro, morto un 56enne. La vittima è Luciano Berruto, titolare di una ditta di manutenzione caldaie e condizionatori, la Mrci di Recanati. Un volo di circa 3 metri, dal primo piano di un’abitazione nella quale stava lavorando.

L’episodio è avvenuto attorno alle 18 in via Martin Luther King a Porto Recanati. Berruto era stato contattato da un conoscente per la manutenzione di una caldaia appartenente ad un’anziana residente in via King e stava lavorando su di un tubo di sfiato esterno.

Era in cima ad una scala in alluminio appoggiata al muro quando all’improvviso, per cause in corso di chiarimento da parte degli ispettori del servizio prevenzione e sicurezza sugli ambienti di lavoro (Spresal) ha perso l’equilibrio cadendo all’indietro e finendo a terra. Fatale l’impatto con i gradini di accesso alla palazzina.

Il corpo è finito in un giardinetto condominiale e ad accorgersi di quanto accaduto, già diversi minuti dopo la caduta, un condomino che aprendo la finestra ha visto il corpo a terra privo di sensi. Immediato l’allarme e la chiamata di soccorso al 118, ma quando i sanitari sono arrivati sul posto per il tecnico recanatese non c’era nulla da fare, è morto sul colpo.

Poco dopo sono intervenuti anche gli uomini dello Spresal e una pattuglia dei carabinieri di Porto Recanati e la Polizia municipale del comune costiero. Luciano Berruto, 56 anni compiuti da poco, viveva con la famiglia a Recanati ed era titolare della sua ditta individuale.

Originario di San Giorgio a Cremano, ormai da moltissimi anni viveva nella cittadina leopardiana con la moglie e due figli, una femmina e un maschio. Chi lo conosce lo descrive come un uomo dedito al lavoro e alla famiglia e con la passione per la moto. Un infortunio terribile che ha lasciato sgomenti i residenti della palazzina e quanti sono stati raggiunti dalla notizia della tragica scomparsa del 56enne.

(Ultimo aggiornamento alle 21,10)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X