A scuola mal vestito e senza quaderni:
scatta l’indagine, scoperti abusi del padre

PORTO RECANATI - L'uomo è sotto accusa per violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia. Oggi è stato rinviato a giudizio dal gup del tribunale di Macerata
- caricamento letture

pedofilia-pedofilo

 

Un bambino di sei anni che andava a scuola senza quaderni, mal vestito, disordinato: questo avrebbe insospettito il personale di un istituto di Porto Recanati che aveva deciso di capire cosa stesse accadendo e dagli accertamenti sono emerse presunte violenze sessuali ed episodi di maltrattamento. Il padre del bambino (entrambi sono stranieri) è finito sotto accusa al gup del tribunale di Macerata e oggi è stato rinviato a giudizio dal giudice Claudio Bonifazi. I fatti contestati sono stati scoperti nel maggio del 2019.

Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Vincenzo Carusi, il padre del bambino quando tornava a casa ubriaco aveva dei modi bruschi verso il figlio e la notte, come lo stesso bambino ha confermato nel corso di un incidente probatorio, lo toccava nelle parti intime. Nella casa dove il bambino viveva con il padre erano entrati i carabinieri, dopo un primo tentativo di servizi sociali del Comune che però non erano stati fatti accedere. I militari avevano trovato il padre ubriaco sul divano e il bambino che dormiva per terra. La casa era in una situazione di degrado. Il piccolo era stato portato via e assegnato ad un tutore, che oggi si è costituito parte civile in udienza, assistito dall’avvocato Maurizio Forconi. Il giudice ha rinviato a giudizio l’imputato, difeso dall’avvocato Valentina Pranzetti, al 21 giugno del 2022. Deve rispondere di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

(Gian. Gin.)

*A tutela dell’identità della vittima il nome dell’imputato non viene indicato



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X