La fondazione di Bocelli non si ferma:
ricostruirà la sede dell’Ipsia a San Ginesio

PROGETTO - L'istituto sarà sviluppato secondo le linee guida del team di esperti della Abf, che ha accolto una nuova sfida d'accordo con gli uffici del Commissario Legnini. Il sindaco Ciabocco: «La generosità consentirà al nostro borgo di riabbracciare un suo storico istituto e con esso tutti i ragazzi che lo frequenteranno»
- caricamento letture

 

Progetto-Ipsia-San-Ginesio-2-650x293

Il progetto della nuova scuola Ipsia Renzo Frau a San Ginesio

 

San Ginesio accoglie l’Andrea Bocelli Foundation, che nel desiderio di essere ancora una volta di supporto alle comunità colpite dal sisma del 2016 rinnova il proprio impegno nelle Marche. Abf, dopo le tre strutture già realizzate, ha accolto una nuova sfida di concerto con gli uffici del Commissario Straordinario per la Ricostruzione. Un progetto di ricostruzione relativo al nuovo Ipsia “Renzo Frau” di Sarnano, nella sede di San Ginesio, e che vedrà la realizzazione di un istituto progettato e sviluppato secondo le linee guida del team di esperti della fondazione.

Progetto-Ipsia-San-Ginesio«Per San Ginesio è un grande onore avere la possibilità di collaborare con la Fondazione Andrea Bocelli per la ricostruzione del nostro nuovo Istituto Scolastico Ipsia “Renzo Frau” ed è proprio grazie ad essa e all’enorme lavoro svolto dal commissario Giovanni Legnini che ora può finalmente iniziare un percorso che fino a ieri sembrava impossibile – commenta il primo cittadino Giuliano Ciabocco -. La generosità della Andrea Bocelli Foundation consentirà al nostro splendido borgo di riabbracciare molto presto un suo storico istituto e con esso tutti i ragazzi che lo frequenteranno e lo faranno rivivere anche con il coinvolgimento di tutta la comunità ginesina che sarà necessariamente parte attiva nelle molteplici attività che saranno proposte negli anni futuri. San Ginesio è capace di affrontare nuove e importanti sfide per avere un futuro degno del suo passato. Con il nuovo Istituto Scolastico Ipsia “Renzo Frau” oltre alla già avviata sezione “Meccanica, Elettronica e Automazione”, il borgo si prepara ad essere luogo accogliente ed esclusivo con la possibilità di offrire un convitto e nuovi indirizzi formativi che, insieme a quello dedicato a “Legno e Arredo”, vedranno protagonisti la musica e gli strumenti musicali. Alla Andrea Bocelli Foundation e al generoso gesto che si accinge a compiere va quindi il ringraziamento mio e di tutta la comunità di San Ginesio».

Progetto-Ipsia-San-Ginesio-1-325x146Abf lavorerà a fianco del Commissario straordinario per la ricostruzione e del comune di San Ginesio, con il ruolo di progettista e project manager. La fondazione donerà quindi il progetto tecnico, oltre a guidare la realizzazione della struttura con il proprio team multidisciplinare. Ci saranno laboratori e spazi didattici progettati secondo layout flessibili ed innovativi, ambienti comuni di relazione e socialità per lo studio e approfondimento individuale e di gruppo, oltre che officine professionali dedicate e attrezzate per i due percorsi di studio: Meccanica/ Elettronica/Automazione/Robotica/Informatica industriale e Legno/Arredamento/Design e Liuteria (in fase di sviluppo).

BocelliAnche gli spazi di vita e socialità comuni quali l’ingresso e l’aula magna avranno un layout innovativo al fine di facilitare quello scambio e quella partecipazione di tutti all’ambiente interno ed esterno all’istituto. «Ringrazio sentitamente la Fondazione Bocelli per la donazione della progettazione e dell’intera conduzione tecnica per la realizzazione del nuovo Istituto scolastico di San Ginesio e, ancora una volta, per quanto già fatto con le scuole di Sarnano, Camerino e Muccia – dichiara Giovanni Legnini, commissario straordinario per la Ricostruzione -. Le scuole sono strutture formative e sociali determinanti per la crescita e lo sviluppo delle aree colpite dal sisma del 2016-17. Dopo il completamento del censimento delle scuole da ricostruire, è in corso di definizione un piano per la riparazione e la ricostruzione di tutti gli istituti danneggiati nelle quattro regioni, oltre 400, per le quali ci sono a disposizione oltre 600 milioni aggiuntivi. Il contributo che i privati possono dare, come sta facendo la fondazione Bocelli, costituisce un prezioso apporto di qualità e un segnale di grande generosità a favore delle popolazioni colpite dal sisma». «Con questo quarto progetto di ricostruzione di scuole nelle Marche, Abf è lieta di dare il suo contributo per un futuro migliore alle comunità colpite dal terremoto – afferma Laura Biancalani, direttore generale della Andrea Bocelli Foundation -. Queste importanti iniziative non sarebbero possibili senza anche al fondamentale supporto delle istituzioni pubbliche, e dei sostenitori di Abf che comprendono privati cittadini dall’Italia e dall’estero».

Bocelli-1-325x218Creare ambienti educativi esteticamente belli, curati e accoglienti in cui costruire e rafforzare la propria identità grazie a molteplici opportunità di relazione con gli altri e una forte dimensione collegiale, di dialogo, confronto e scambio, capace di accogliere, contaminare e valorizzare l’apporto di ciascuno in una prospettiva multi-ed inter-disciplinare investendo nella qualità dell’educazione dei ragazzi e della formazione continua dei docenti: ciò è alla base del lavoro di Abf che festeggia nel 2021 i primi dieci anni di “empowering people and communities”. Tanti i progetti realizzati, in Italia e all’estero, a beneficio di migliaia di studenti e delle loro comunità, e tutto questo grazie al generoso e costante contributo di tutti. In particolare, nelle zone del sisma 2016 Abf ha raccolto somme importanti con le campagne a numerazione solidale promosse in collaborazione con Rai e Rai per il sociale e che anche in questo nuovo progetto hanno deciso di supportare la fondazione. Ognuno può contribuire come sempre. La campagna “Con te per disegnare il futuro” dedicata al progetto di San Ginesio parte il primo settembre con la numerazione solidale 45516 (chiamare da rete fissa o sms da rete mobile). A questo progetto saranno dedicati i fondi raccolti il 5 settembre in occasione dello spettacolo “E lucevan le stelle” organizzato da comune di Macerata e Associazione Arena Sferisterio” e che vede come charity partner Fondazione Mediolanum Onlus. La campagna vedrà poi il suo culmine nello speciale Domenica In in onda il 3 ottobre su RaiUno con una puntata dedicata al fondatore Andrea Bocelli e alla Abf.

 

“E lucevan le stelle”, aperitivo e cena con Bocelli e lo chef stellato Errico Recanati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X