«Una sindaca per Esanatoglia,
la giunta Bartocci ha fallito»

AL VOTO - La proposta di Gianluca Chiappa: «Il sindaco con ruoli diversi è alla sua ottava esperienza come amministratore, non al secondo mandato. La situazione del paese è critica, non si è costruito nulla, si sono persi trecento abitanti, stiamo vivendo una grossa crisi economica e sociale»
- caricamento letture
gianluca-chiappa

Gianluca Chiappa

 

Una sindaca donna per Esanatoglia, per dare un segnale di rinnovamento dopo i 28 anni che hanno visto presente in amministrazione comunale, prima come consigliere e vicesindaco, poi primo cittadino, l’attuale sindaco Nazzareno Luigi Bartocci, che ha dato disponibilità a ricandidarsi per il secondo mandato da primo cittadino. A chiederlo è Gianluca Chiappa, ex presidente della comunità montana di San Severino. «Non ho alcuna velleità personale – spiega Chiappa – ma è chiaro che l’amministrazione comunale uscente non ha più la forza di prima. Per Esanatoglia auspico una soluzione costruttiva ed inclusiva, che generi confronto e dibattito. Il sindaco Luigi Nazzareno Bartocci, con ruoli diversi è alla sua ottava esperienza come amministratore, non al secondo mandato. La situazione del paese è critica, non si è costruito nulla, si sono persi trecento abitanti, stiamo vivendo una grossa crisi economica e sociale. L’amministrazione attuale ha subito perso l’assessore Brandi, dimessosi in malo modo, diversi consiglieri si sono dimessi, tra loro è mancato il dialogo ed il confronto. Non è mai successo di arrivare a fine mandato con così tanti consiglieri che si sono dimessi». Aggiunge Chiappa: «Si fanno manifestazioni con poche persone, mancano le associazioni, non si può usare sempre la pandemia come alibi. Sono pronto a dare una mano, auspico un’ampia iniziativa civica, con il primo candidato sindaco donna nella storia di Esanatoglia, sarebbe un grosso segnale di rinnovamento».

(M. O.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X