Schianto mortale contro un tir,
«Gianluca una persona stupenda»

SAN SEVERINO - Il giovane papà di due bambini ha perso la vita sulla Septempedana. Il datore di lavoro: «Non l'ho visto arrivare e quando ho saputo di un incidente sono corso, così ho scoperto l'accaduto». Pier Paolo Zaganelli: «Persona impagabile, aveva sempre il sorriso». Il corpo è stato lasciato a disposizione della famiglia con nullaosta alla sepoltura
- caricamento letture
incidente-san-severino1-650x488

L’interno del furgone di Gianluca Mosconi dopo l’incidente

 

«Lavorava con me dal 2008, una persona stupenda e un grande lavoratore. Questa mattina mi ero preoccupato non vedendolo arrivare, quando ho saputo che c’era stato un incidente sulla provinciale 361 sono andato di corsa a vedere e ho scoperto così quello che era successo», così Giorgio Zaganelli, titolare della ditta per cui lavorava Gianluca Mosconi, il 35enne di San Severino morto questa mattina in un incidente stradale.

gianluca-mosconi_censored-e1620668109102

Gianluca Mosconi

Sposato dal 2007 con Claudia Vitali, la coppia aveva due figli, uno di sette anni e il maggiore di 14. Questa mattina Gianluca stava andando al lavoro nel nuovo cantiere della ditta quando è avvenuto l’incidente stradale sulla Septempedana. Per cause che restano in corso di accertamento il giovane muratore ha perso il controllo del furgone della ditta, ha invaso la corsia opposta e si è scontrato contro un tir in sosta. Gianluca è morto poco più tardi all’ospedale di Torrette, dove era stato trasportato con l’eliambulanza. «Ha iniziato a lavorare con noi nel 2008, era un ragazzo bravissimo» dice ancora Zaganelli. Anche il fratello, Pier Paolo Zaganelli, conosceva molto bene Gianluca «Ora lavorava con l’azienda di mio fratello ma fino al 2011 ha lavorato anche con me. Era sempre in cantiere insieme a me. Un ragazzo che aveva sempre il sorriso, un grande lavoratore e una persona impagabile. Era appassionato del lavoro che faceva, impagabile. Devo ancora riprendermi per quello che è accaduto». Oltre al lavoro e alla famiglia la passione del 35enne era la caccia, in particolare quella al cinghiale. Il funerale non è ancora stato fissato. La procura ha lasciato il corpo a disposizione della famiglia con nullaosta alla sepoltura. Non ci sono indagati, il tir contro cui si è scontrato Gianluca era posteggiato regolarmente sulla carreggiata. Il conducente del mezzo era sceso ed entrato nel cantiere aperto per lavori di asfaltatura.

(Gian. Gin.)

Frontale contro un camion fermo, muore papà di 35 anni

 

incidente-san-severino3-650x488

incidente-san-severino2_censored-650x488 incidente-san-severino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X