Muri imbrattati con lo spray,
nei guai una civitanovese

LA RAGAZZA è stata denunciata per deturpamento insieme a un giovane laziale per alcune scritte comparse a Porto Sant'Elpidio
- caricamento letture

 

 

Carabinieri-caserma-Fermo

 

di Giorgio Fedeli

A Porto Sant’Elpidio qualcuno aveva imbrattato le mura della città con dello spray, a Lido Tre Archi qualcun altro aveva fatto esplodere una telecamera. Ma in una settimana i carabinieri della compagnia di Fermo, guidati dal tenente colonnello Nicola Gismondi, hanno portato a termine, con successo, le indagini su entrambi gli atti vandalici. Nel primo caso ad operare sono stati i militari dell’Arma della stazione elpidiense, guidati dal luogotenente Corrado Badini, nel secondo i colleghi di Porto San Giorgio comandati dal maresciallo maggiore Antonio D’Amato.

Partiamo proprio da quelle scritte spray apparse nella notte tra il 17 e il 18 aprile, in diversi punti di Porto Sant’Elpidio. I militari dell’Arma si sono subito messi al lavoro e, anche grazie alla collaborazione della Polizia locale, praticamente in cinque giorni sono riusciti a risalire agli autori. Si tratta di un giovane laziale e di una ragazza di Civitanova. Su di loro i carabinieri, dopo un certosino quanto rapido lavoro portato alle denunce in concorso per ‘deturpamento e imbrattamento di cose altrui’, come previsto dal codice penale. Ma non finisce qui. Ci si sposta a Lido Tre Archi, solo 48 ore prima. Nel quartiere costiero di Fermo, infatti, la notte tra il 15 e il 16 aprile qualcuno aveva   distrutto una telecamera di videosorveglianza. Distrutta facendola esplodere, si diceva. Sì, con un petardo di fabbricazione artigianale. E anche in questo caso la mano vandalica, grazie alle indagini dei carabinieri, nell’arco di una settimana ha avuto anche un volto e un nome. Si tratta di un giovane residente nel quartiere che, dopo essersi arrampicato sul palo di sostegno della telecamera, l’ha fatta esplodere con un petardo. Incastrato anche lui dai carabinieri. E ora dovrà rispondere di danneggiamento aggravato e fabbricazione di materiale esplodente. Anche in questo caso, con immaginabile soddisfazione dei tanti onesti cittadini che vivono nel quartiere. Due atti vandalici in 48 ore che avevano fatto molto discutere.


Scritte con lo spray nelle vie del centro, la rabbia di Franchellucci: “Visioneremo ogni telecamera”

Distruggono una telecamera della videosorveglianza: indagini dei carabinieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X