Quanno lu dialettu
lo dicia in più modi

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mostra_mario_monachesi_abbadia-7-e1607519979157-325x338

Mario Monachesi

 

di Mario Monachesi

L’agunia
Tira lu fiatu co’ li denti.
Sta più de la che de qua.
‘Staorda no’ la racconta.
Pippa non pippa.
Sta a ma’ de preti.
Je rmasto poco.
Quanno deve suffrì’ cuscì, adè mejo che lu Patreternu se lu rpija.
(“Se dui adè li medici a curá’ l’ammalatu, / sonate pure a mortu ch’issu adè spacciatu”).
*
Lo murì
È jitu a locu de viritá.
È jitu a fa’ la tera pe’ lo cece.
Lu Patreternu ja staccato la volletta.
Purittu se n’è jitu a pambini sicchi.
L’agnellu pò murì’, la pecora non pò sfallì’.
Purittu l’ha ccunnitu lu prete.
S’era stufatu de campá’.
U’ minutu prima de murì, campava.
Lo pegghjo è sempre per chj more.
(“Chj more va a la fossa, chj rmane arza la cossa”.
“Beati quillu corpu che de sabbeto è mortu e la domenneca è rpostu”.
“More la pecora, more l’agnellu, / more la vacca, more lu vitellu; / more la jente pjina de guai, li ruppicojoni no’ more mai”).
*
L’uricchjni (gli orecchini)
Vuccole.
Pennendi.
‘Ricchj’.
‘Ricchjnelle.
Coraje (orecchini di corallo).
*
Lu tirchju
No’ magna pe’ non cacá’.
Spacca lu sordu.
Spella pure lì purgi (pidocchi).
A casa sua co’ un’ou (uovo) ce se magna sette orde.
Per un sordu se faria ‘mpiccá’.
Mette da parte pure lo latte de le furmiche.
Se ‘ttacca pure su lo scarginato.
No’ gne cacci un sordu manco se li ‘mmazzi.
Piducchjusu.
‘Nvita sempre a menza vocca.
(“Tanto de la non ce purtimo cosa”.
“La vara co’ le saccocce non s’è vista mai”.
“Lunnidì te li darò / martidì se ce l’ho / miccurdì è San Clemente / juidì non te daco gnente / venardì me tròo fora / sabbeto a qualunqu’ora / se per domenneca non t’agghjo pagato / lunnidì rcumincimo da capo”.
“Quissu li sordi te li rdá sopre la groppa de lebbre”).
*
Lo sonno
Jimo a troá’ domá’.
A quanno simo più vecchj.
Me se ddorme l’occhj.
Sta riènno cecaló.
M’ha pijato ‘na scarfagna (Sonnolenza. Anche cecagna, ciafagna, papalona).
No’ gne la faccio più a tené’ l’occhj aperti.
No’ sparto più lo sonno.
(“E che si ‘mbastatu co’ lo sonno?”
“C’adè ‘ssa ‘llargareccia de vocca?”)
*
Lu pettu de le donne
Pocce.
Nénne.
Zzinne.
(“Li fiji succhja la matre da picculi e lu patre da grossi”.
“‘N menzo a lu pettu ci-hai ‘na cerqua tonna / se me cce fai vinì’ a rtoccá’ la janna / tengo ‘na pertechetta che non se ‘rènne (non si piega) / ‘n ce vojo fa’ rmané’ manco ‘na fronna”).
*
La prèscia (La fretta)
Se lu porta mondanacciu.
Je s’è fatto tardi co’ lo core (correre).
No’ ‘rria a da’ lo resto.
Core sempre come Lu trenu.
Non sa do’ sbatte la testa per quanto ci-ha da fa’.
Non sa do’ mettese le ma’.
Non ci-ha tempu manco de murì’.
Ci-ha da fa’ più issu che unu che more de notte.
*
Lu sborgnu (L’ubriaco)
Porta ‘na nuttola a cumunió’ (Anche natta, tièlla, ciucca, cioetta, cracca, cecara).
È ‘mbriacu ‘ntortu (Anche pappu).
È ‘mbriacu come ‘na scimmia.
È più sborgnu la matina che la sera.
Un mecchjé’ (bicchiere) lu caporda.
Le cantine adè tutte le sua.
(“Lo vi’ piace anche a li pucì'”.
“Cciacca cciacca, martillì’: / non se vé ll’acqua, se vé lo vi'”.
“Adè cuscì bono che adè un peccatu a rpisciallo”.
“Vino viango e vino ruscio / state voni dentro a me, / sennò dentro a lu fossu / ce ne jimo tutti e tre”.
“Co’ lo vi’ non ce se scherza. / Lo vi’ de Picalló / te fa ji in su e in gno, / se ne vìi in quantitá / te fa ji in qua e in llá, / se ne vìi un vicchjrirtu / te fa ji a capufittu”).
*
Lu frunculu (Il foruncolo)
Vrosciolu.
Cécuru.
*
L’umbilicu (L’ombelico)
Mujiculu.
Rimpicciolu.
Limmiccuolu.
*
La furtuna
Je feta pure lu gallu.
Je va tutte tonne.
Je va sempre a culu.
Je va tutto a coccu de pippa.
Ci-ha un culu che non ce se crede.
Je va sempre grassa.
Adè un culuruttu.
*
Lo pisciá (Orinare)
Me tè’ du’ gocce d’acqua.
Vaco a cambiá’ l’acqua a lu mirlucciu (Anche a lu vaccalá).
(” Chj non piscia in combagnia, fa lu latru o fa la spia”.
“Piscia chjaro e fatte veffe de lu medicu”.
“La vecchja de Cuccù quanno pisciava / quattordici mulì’ ce macenava; / se ce ne ‘vvanzava ancó’ ‘na callarella / ce macenava la molenarella”.)
*
Lo pioe
Pioe a cielu chjusu.
Pioe da ardo (Piove parecchio).
Quesso è un pioe che fa cresce (Piove poco)
Pioe? No, casca l’acqua.
Adè acqua mica focu.
Finché pioe non se secca gnè’.
(“Quanno pioe e tira ventu / chjudi l’usciu e stanne dentro / chj è a lo coperto quanno pioe / è cojó’ se sse moe, (muove) / se sse moe e po’ se vagna / è cojó’ se sse lagna, / se la pentola je voje (bolle) / mette un gallu e du’ cipolle, / se da la casa più non esce / non se mmolla come un pesce”).
*
L’imbutu (L’imbuto)
Sarvaì.
Pitria.
Petriòla.
*
Lo svinì (Svenire)
Vinì’ a mino.
Mangamentu.
*
Rdiaulu
Vovò.
Virluccu.
Cifuru (Lucifero. Diavolo detto di un ragazzo irrequieto).
(” In quistu munnu ‘n ze pò fa ”na pigna, che lu vovò te la roppe per tigna”.
“Appena parli de rdiaulu, je spunta le corne”).
*
Lu ritardatariu
Si lungu come la vroda de li maccarù’.
Si lungu come la Quaresema.
Si lungu come Lu cippu de Natá’.
Tutti a ‘spettá’ a te.
Tardacì.
(“Se la messa adèra un trenu, quanti avria perso la messa”.
“L’urdimu a ‘rrià fu fanne storte”).
*
Lo parlá’ troppo
Te se pozza seccá’ la lengua.
Magnece co’ ‘ssa vocca.
Refiata che orda.
‘Ssu fiatu lascilu per quanno muri.
Te se pozza cascá’ la lengua.
Ci-hai ‘na lengua che taja e cosce.
Chjacchjeró’ (Anche corvellará).
Che orda, sputa.
‘Ttappete ‘ssa fogna.
Parli perché porti la vocca.
E no’ la fa’ sempre longa.
Ne dici un saccu e ‘na sporta.
(“Le chjacchjere fa li pedocchj”.
“Dice sempre cose senza sugo”.
“La pecora che sbela perde lu moccecó'”.
“Le parole tua adè come lu ventu / prufittu non ce pò fa’ gnisciù amante; / le parole tua adè come la pula / basta ‘n po’ d’aria che vola via”).
*
Lu magnó (Il mangione)
Magna a quattro ganasce (mandibole).
Magna a culu sturatu.
No’ lu sazi co’ gnente.
Non se satolla (Non si sfama).
Convè’ a faje un vistitu che ‘nvitallu a cena.
Magna sempre a crepá’.
Che ci-hai la lupa? (Anche sgrescia, filippa).
Ha paura che no’ gne rbasta.
A chj je da a magná’ je dice vabbu.
Se ‘bbotta come un rospu.
Magnaró’.
(“Per chj ci-ha fame tutto è ciccia, / è bona pure la ‘nzalata riccia”.)
*
Lu purittu
Sta sempre tera tera come la porcacchja.
Porta ancora le scarpe de lu vattesimu.
Sta sempre in bolletta.
(“Quanno se mette a fa’ li cappelli li puritti, nasce tutti senza testa”.
“Diasilla…lacremènne… / dentro la mattora non c’è gnente; / diasilla…lacrimosa… / dentro la mattora non c’è cosa”
Vasu da notte
Riná’.
Cocciu.
*
Lu vusciardu (Il bugiardo)
Farzu (Anche fazó, fazù, fariseu)
Le vuscie le fa tené’ ritte.
Co’ le vuscie ce ‘ppiccia lu focu.
Adè come li fascioli: parla derèto.
(“Co’ l’occhj te rconoscio, vannarellu, / porti la farzitá fino a sopre lu cappellu, / la jente farza mai a me m’adè piaciuta / perché se rmagna sempre la parola data”).
*
Lo jocasse tutto
È rmastu come don Fargucciu, senza gnè’ e a culu scuccu (scoperto).
È jutu pula.
È jitu a spiantu.
S’ha jocato pure le carze.
Non ci-ha più manco l’occhj per piagne.
*
Lo vrao
Fa ‘gni cosa a pennellu.
Ci-ha le ma’ d’oro.
È capace de fa’ pure lu pipì’ all’angiuli.
Rfa pure lì culi a li celli.
*
Li troni
Rdiaulu ha vuttato la moje jo ppe le scale.
Rdiaulu fa cagnara co’ la moje.
Nonnu scutula le votti.
*
Faccia tosta
Facciaccia smitriata.
Porti la faccia che ce se pò ‘cciaccá’ le nuce.
Faccia a bussarellu de porta.
Faccia come lu culu.
*
Lo da’ scordu (Ubbidire)
‘Bbidì’.
Da ‘dienza.
Da retta.
*
Lo parlá’ poco
Adè de poche parole.
Non cica, non botta.
Chjottu chjottu.
Non zipa.
Uma sotto.
È sempre ‘bbottonatu.
(“Gnisciù se pintì mai d’èsse statu zittu”).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X