Il dono di “Sorrisi per l’Etiopia”:
800 mascherine consegnate
alla Protezione Civile

SAN SEVERINO - Fabio Scuriatti, presidente della onlus nata nel 2006 in memoria di Cristina, Luca e Alessio (tre giovani ragazzi settempedani scomparsi in un incidente stradale), ha consegnato il materiale a Dino Marinelli, che coordina i volontari impegnati nella campagna vaccinale
- caricamento letture

 

IMG-20210304-WA0005-300x400

La consegna delle mascherine

 

L’associazione “Sorrisi per l’Etiopia”, onlus nata nel 2006 in memoria di Cristina, Luca e Alessio (tre giovani ragazzi settempedani scomparsi in un incidente stradale), torna a far sentire la propria vicinanza alla comunità locale donando 800 mascherine Ffp2 ai volontari del gruppo comunale di Protezione Civile impegnati nel servizio alla popolazione over80 coinvolta nella campagna vaccinale anti Covid-19 di Regione e Asur. Il materiale è stato consegnato dal presidente dell’associazione, Fabio Scuriatti, al coordinatore dei volontari di Protezione Civile, Dino Marinelli. L’associazione “Sorrisi per l’Etiopia” nel tempo ha realizzato diverse opere e importanti progetti nella regione del Wolayta, a 400 chilometri a sud di Addis Abeba. Il primo mattone di una delle opere più importanti della onlus è stata la costruzione di un asilo nel villaggio di Lenda. “Sorrisi per l’Etiopia” mantiene ogni anno i piccoli studenti, garantendo loro la retta scolastica, una pasto caldo al giorno, lo stipendio dei maestri e tutto ciò che riguarda le attrezzature e la manutenzione della scuola. La onlus ha poi provveduto alla sistemazione di un pozzo che ha permesso ai bambini di poter frequentare regolarmente la scuola ed evitare di intraprendere ogni giorno una camminata di più di dieci chilometri per raccogliere l’acqua necessaria per la sopravvivenza della famiglia. Ogni anno il gruppo nato a San Severino si preoccupa anche dell’acquisto e della consegna di medicinali alla clinica di Kanafa, dove è stato costruito un nuovo edificio e dell’allestimento con macchinari appositi dell’ufficio sanitario interno alla clinica. Inoltre, sono state acquistate importanti apparecchiature mediche e letti ed è stata seguita tutta l’attività della clinica, la quale è anche l’unico pronto soccorso che serve una comunità di circa 80mila persone distribuite in tanti villaggi. Tra gli altri progetti della onlus si segnalano: un asilo di Goduto, il sostegno economico alla comunità dei ciechi di padre Marcello, il sostegno economico e la consegna di vestiario alle ragazze della casa famiglia di Lina e Antonio a Soddo, aiuti a famiglie bisognose di Lenda, consegna di vestiario e indumenti, sostegno periodico a diverse famiglie indigenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X