Ordigno davanti a una azienda,
caccia a impronte e tracce biologiche

RECANATI - Gli inquirenti hanno in mano parecchi reperti grazie all'intervento mirato degli artificieri. Indagini anche per comprendere i motivi del gesto, piste a 360 gradi dalla bravata al gesto intimidatorio
- caricamento letture

 

Caccia impronte digitali e materiale biologico sull’ordigno rudimentale che ieri mattina qualcuno ha lasciato nel piazzale di fronte ad una azienda di Recanati, la ditta Soema, in località Squartabue.

ordigno-localita-sqaurtabue-artificieri-carabinieri-recanati-FDM-4-650x433

Gli artificieri sul posto

Il titolare ha detto agli inquirenti di non avere mai ricevuto minacce e dunque escluderebbe che l’ordigno fosse rivolto alla sua attività. Le indagini comunque sono in corso da parte dei carabinieri e coordinate dal sostituto Enrico Riccioni. Ieri l’ordigno, composto da tre bottiglie di plastica contenenti liquido infiammabile e legate con delle scotch e collegate con un innesco, è stato fatto brillare. Ma gli artificieri sono riusciti comunque a preservare la gran parte dell’ordigno, in modo tale che ora possano essere svolti accertamenti. Il magistrato delegherà ad un esperto gli accertamenti di carattere biologico e per eventuali impronte e per capire se quanto trovato era idoneo per la deflagrazione e che tipo di danni avrebbe prodotto. Secondo gli inquirenti l’ordigno era rudimentale ma efficiente. C’è da capire perché qualcuno si sia premurano di assemblarlo e se lo scopo fosse una bravata o una intimidazione nei confronti di qualcuno. L’ordigno è stato trovato ieri mattina e sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Civitanova, i vigili del fuoco e gli artificieri.

(Gian. Gin.)

 

ordigno-localita-sqaurtabue-artificieri-carabinieri-recanati-FDM-6-650x433

Gli artificieri sul posto al lavoro per far brillare l’ordigno

ordigno-localita-sqaurtabue-artificieri-carabinieri-recanati-FDM-3-650x433

ordigno-localita-sqaurtabue-artificieri-carabinieri-recanati-FDM-7-650x433

Artificieri in azione a Recanati, ordigno fatto esplodere (foto-video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X