La Lube scalpita, coach De Giorgi:
«I ragazzi vogliono tornare
a giocare e vincere»

VOLLEY - Dopo un weekend da spettatrice, Civitanova sarà impegnata contro Verona nell’anticipo di sabato 28 alle 18 all’Eurosuole Forum con diretta RaiSport. Il centrale Simone Anzani ex di turno
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
feferaduno

Fefè De Giorgi

 

A pochi giorni dal primo turno di ritorno della Regular Season di SuperLega, che vedrà la Lube Civitanova impegnata contro Verona nell’anticipo di sabato 28 novembre a porte chiuse (appuntamento alle 18 all’Eurosuole Forum con diretta RaiSport), coach Fefè De Giorgi trasmette l’esigenza dei suoi giocatori di scendere in campo dopo un weekend da spettatori. «Siamo contenti di tornare a disputare un match ufficiale e ci alleniamo con grande voglia di giocare. Anche perché ci brucia aver interrotto l’imbattibilità. Naturalmente non siamo gli unici a volere i tre punti, Verona vorrà rifarsi dopo lo stop nel derby. Andremo di nuovo in diretta sul canale RaiSport e questo darà modo a tutti i tifosi di vederci all’opera. Sarà un’occasione per sentirsi più vicini anche se non potremo vederli. Devo dire che in questo torneo il livello medio si è alzato, ogni singola gara ti costringe a esprimere sempre una buona pallavolo per prevalere sugli avversari di turno. Le pause, i rinvii e il calendario a singhiozzo, tutte situazioni legate all’emergenza sanitaria, possono incidere almeno in minima parte su qualche risultato a sorpresa. Non c’è un singolo motivo». Coach Fefè De Giorgi ne approfitta anche per una riflessione sulla giornata mondiale contro la violenza sulle donne. «I soprusi di qualsiasi tipo sulle donne sono una brutta faccia della nostra società. Bisogna denunciare e incoraggiare le persone che subiscono violenza a raccontare tutto prima che accada qualcosa di più grave. Chi può, deve dare un esempio parlandone e facendo venire alla luce questi fatti. Le donne vanno sempre rispettate e spesso sono modelli da seguire per volontà e forza d’animo. In ambito sportivo stimo la campionessa di scherma paralimpica Bebe Vio, che ha saputo abbattere ogni limitazione e affrontare la vita con il sorriso».

anzani

Simone Anzani

In vista della sfida casalinga contro la NBV Verona, i riflettori sono per il centrale Simone Anzani (ex del match insieme a Jiri Kovar),primo nella classifica stagionale di SuperLega per numero di muri vincenti e capace nell’ultimo match di superare il traguardo dei 1500 punti in Regular Season. Numeri significativi per l’atleta biancorosso che dal 2013/14 al 2016/17 ha indossato la maglia degli scaligeri vincendo la Challenge Cup 2016. «Leggere queste statistiche di rendimento non può che farmi piacere, ma la mia risposta sarà sempre la stessa e cioè che mi interessa il risultato del collettivo. Se i record miei o di un compagno si traducono nei successi della squadra va benissimo. Non giochiamo gare ufficiali dal 15 novembre, ma ci siamo allenati sodo e la voglia di riscattare lo scivolone con Vibo Valentia non si è affievolita. Scendere in campo a intermittenza è dura per tutti, ma siamo concentrati sull’obiettivo dei tre punti – commenta Anzani -. Mi fa sempre un certo effetto sfidare Verona perché arrivai lì da ragazzino e me ne andai da uomo. Furono anni decisivi per la mia formazione sportiva e umana. Sono in ottimi rapporti con il club e ho un legame speciale con la città, da cui viene la mia fidanzata. Grazie ai miei trascorsi ora indosso con orgoglio la maglia biancorossa. Gioco in un team vincente che sposa in pieno la filosofia di un’azienda di successo. Noi siamo Lube».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X