Montefano-Conti, è addio
Il saluto dei tifosi al ds

ECCELLENZA - Le due parti preferiscono non parlare. Gli ultras: «Speriamo nell'arrivederci»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Roberto-Conti

Roberto Conti

Si separano le strade fra il Montefano e il direttore sportivo Roberto Conti, ma nessuna delle due parti si pronuncia in merito. A scrivere un messaggio, però, sono gli ultras: «Un saluto a Roberto, sperando nell’arrivederci». Si apre con queste parole il comunicato dei tifosi, riferendosi all’ormai ex ds, che non vuole rilasciare dichiarazioni a proposito della sua posizione con il club viola, dal quale non filtrano informazioni. A quanto pare, però, qualcosa è successo e i rapporti si sono incrinati e non sono più idilliaci come una volta.

Stefano-Bonacci

Stefano Bonacci

Roberto Conti, infatti, è stato uno dei principali artefici della scalata del Montefano fino all’Eccellenza, campionato che la squadra del presidente Stefano Bonacci sta affrontando per la terza stagione consecutiva. Il legame fra il ds e i tifosi, però, è stato ed è tuttora sempre forte, come dimostra il comunicato pubblicato nella pagina Facebook Ultras Montefano 1972. «In un tempo imprevedibile, segnato dal caos di una pandemia che ha finito con l’interrompere le basilari funzioni sociali, è capitato di dover salutare un nostro amico, che ha deciso di prendersi una pausa dalla sua passione e funzione dirigenziale, senza il dovuto tempo e le tipiche modalità calorose che appartengono alle donne e agli uomini dalle passioni veraci. Roberto, il “ds” come più familiarmente viene chiamato, rappresenta per noi del gruppo Montefano 1972 qualcosa di più di un comune dirigente: un amico, un vero amico – racconta il club dei supporters -. Nell’estate del 2018, a margine del trionfo di Chiaravalle, Montefano tornava a conoscere una smodata voglia di tifo per la viola, un orgoglio rintuzzato dai successi, ma soprattutto l’esigenza di rispondere ad un vulnus sedimentatosi per troppo tempo tra il paese e la principale società di calcio del paese. In questo beckground, nasceva il primo gruppo organizzato di tifosi delle storia sportiva paesana, denominato Montefano 1972 – si legge nella nota -.

Roberto-Conti-1-267x400Roberto, allora Ds della viola, per primo capì e riconobbe l’importanza di questo elemento di novità sociale e sportiva, intrecciando un legame che è andato ben oltre il semplice, formale rapporto tra un “colletto bianco” e gli ultras. Roberto è stato l’artefice, il trade union delle dinamiche amicali tra società e tifosi, fintanto che si venisse a creare una sinergia unica, riconosciuta come fenomeno culturale di interesse, addirittura da alcuni magazine del settore dal respiro nazionale. Roberto è sempre stato vicino al gruppo accogliendo, con spirito di collaborazione, le richieste dei tifosi, cogliendo le sfumature subliminali più raffinate e la forza di quella domanda di una generazione di persone tra i trenta ed i quaranta anni che per troppo tempo era rimasta inevasa: il riscatto per una terra a lungo dimenticata, da tutti, nessuno escluso. Le emozioni vissute insieme e l’intreccio di legami autentici, mai alienati al mainstream delle correnti e del risultato a tutti i costi, sono rimaste uniche nella loro natura e rappresentano il biglietto da visita per questo nostro rapporto – conclude il gruppo Ultras Montefano 1972 -. Bicchieri di vetro stretti e spessi sul fondo, sedie di paglia intrecciata e tovaglie a scacchi, il mantra del nostro incontro, accompagnati da vino e qualche bontà, perché noi preferiamo gli abbracci stretti e prolungati alle pacche sulle spalle. In bocca al lupo, amico. A presto».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X