Lontani a causa di sisma e studi,
tornano a sposarsi
nell’amata Camerino

NOZZE - Paolo Compagnucci e Maria Sofia Fede si sono uniti questo pomeriggio in matrimonio nella basilica di San Venanzio Martire. Il messaggio di auguri delle famiglie
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Compagnucci e Maria Sofia Fede

 

Gli eventi sismici e gli studi universitari giunti al traguardo con il massimo dei voti li hanno portati lontano dalla loro amata Camerino, ancora profondamente segnata, dove sono nati e cresciuti. La sposa ha la casa inagibile, ma questo non ha impedito ad entrambi, legati alle loro radici, di coronare la storia di amore nella loro città natale e così Paolo Compagnucci e Maria Sofia Fede si sono uniti questo pomeriggio in matrimonio nella Basilica di San Venanzio Martire di Camerino. 
La celebrazione è stata presieduta dal vescovo di Gubbio Luciano Paolucci Bedini che ha impartito agli sposi la benedizione nuziale unitamente al rito della velatio. Hanno concelebrato il parroco don Marco Gentilucci e don Franco Gregori. Paolo ringrazia lo staff di Ermenelgildo Zegna di Roma e Maria Sofia lo stilista Emiliano Bengasi di Fermo che, con dedizione, li hanno consigliati e seguiti nella scelta dei loro abiti. Gli sposi novelli gioiosi e raggianti con felicità saluteranno parenti ed amici a Villa Colleverde di Montecassiano.
I genitori di Paolo ed i genitori di e Maria Sofia porgono ai loro figli con letizia un augurio affettuoso con l’auspicio che la dolce e calda carezza dell’amore li accompagni nel lungo cammino della loro vita coniugale.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X