«Nessun candidato al direttivo,
l’associazione del palio
rischia di sciogliersi»

SAN GINESIO - Dopo le dimissioni del precedente consiglio nessuno si è proposto per subentrare nell'ultima assemblea dei soci. «Il 2 luglio ci sarà un nuovo incontro, se sarà un altro buco nell'acqua passeremo allo scioglimento»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
palio-san-ginesio

Il palio di San Ginesio

 

«L’associazione Tradizioni Sanginesine, che organizza il palio di San Ginesio, rischia lo scioglimento se non si trova un nuovo consiglio direttivo. All’assemblea dei soci del 19 giugno non si è canditato nessuno». A dirlo sono gli ex componenti del direttivo, che avevano rassegnato le dimissioni: Nicola Ferranti da presidente, Andrea Gasparrini da vice presidente, Laura Salvucci Salice da segretaria e Marco Scagnetti da Tesoriere. La riunione dove servire «per dare la possibilità a chi fosse subentrato, per la prima volta dopo decenni con l’associazione in attivo – dicono i componenti dell’ex direttivo – , di poter decidere se avviare l’organizzazione del Palio 2020. Dopo tre incontri avuti con il sindaco e un’assemblea con lo stesso ordine del giorno, riunioni in cui si è ribadito chiaramente l’impossibilità di ritirare le decisioni assunte, ci siamo trovati di fronte un’intera giunta comunale, intervenuta senza una proposta concreta e tangibile per superare le criticità, che manifestava una inconcepibile sorpresa nell’ascoltare, per la quinta volta, le stesse persone ribadire gli stessi identici concetti: “Non pensavamo che la situazione fosse così grave” è stato il mantra ripetuto dagli amministratori». L’x direttivo dopo la fumata nera dell’ultima riunione si dicono «spiazzati, imbarazzati e delusi dalla superficialità con la quale vediamo ancora gestire il patrimonio che l’associazione rappresenta per la nostra comunità, ma non ci possono essere presidenti e consiglieri costretti a restare a svolgere mansioni che riconoscono, svolte in queste condizioni, non essere più utili, portati per di più da fatti e atti pubblici alle dimissioni. Un’associazione senza nessuno che si candida alle guida dell’organo amministrativo però non può che sciogliersi ed è per questo che il 2 luglio, alle 21, al Centro di comunità di San Ginesio, sarà il termine ultimo per eleggere un direttivo, se dovesse riproporsi un buco nell’acqua, come da ordine del giorno già stabilito, si passerà allo scioglimento».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X