Riportato in superficie
lo speleologo bloccato nella grotta
(VIDEO)

SALVATO - Alessandro Cegna, 41enne di Pollenza, è stato raggiunto in serata dal Soccorso alpino e aiutato a risalire. Si trovava a 200 metri di profondità all’Abisso dei Giganti, sulle montagne di Como
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Le operazioni di recupero

 

E’ tornato in superficie intorno alle 21,20 di questa sera lo speleogolo di Pollenza Alessandro Cegna. Bloccato da domenica a 200 metri di profondità a causa di un infortunio al ginocchio, in serata è stato raggiunto dagli uomini del Soccorso alpino.

alessandro_cegna-1

Alessandro Cegna

Una operazione che è durata molte ore per far uscire il 41enne pollentino dall’Abisso dei Giganti a Sormano, sulle montagne di Como. Partiti in sei, tre compagni erano tornati in superficie domenica, un altro, Fabio Bollini, di San Marino, li ha raggiunti ieri mentre la sua fidanzata è rimasta con il 41enne pollentino per attendere i soccorsi. La ragazza oggi pomeriggio è stata raggiunta ed è uscita con i tecnici del Soccorso alpino. Più complicato portare fuori Cegna visto l’infortunio. Di solito il tempo per uscire da una grotta come quella in cui si trovava Cegna è di circa 15 metri in un’ora – secondo una stima del Soccorso alpino -, questo in condizioni normali. Con una gamba ferita i tempi si allungano notevolmente e per questo è occorso molto tempo prima che Cegna fosse portato fuori dalla grotta.

cegna

Cegna ritorna in superficie

Per iniziare le operazioni di recupero i soccorritori hanno dovuto attendere che la pioggia diminuisse. Lo speleologo aveva dolore a un ginocchio ma era in buone condizioni, si è mostrato molto collaborativo e non è mai stato necessario l’uso della barella. In tutta la fase di risalita, l’uomo è stato supportato e aiutato dai tecnici del soccorso speleologico e dal personale sanitario del Cnsas. Oltre ai tecnici della IX Delegazione speleologica lombarda, c’erano anche quelli della parte alpina del Triangolo Lariano, per assistere l’infortunato dall’uscita della grotta fino all’ambulanza, nel tratto di bosco all’esterno. Cegna, 41 anni, presidente del Tiro a segno di Macerata e dipendente del Cosmari, era sceso venerdì fino a 350 metri nel cuore della montagna, fra grotte e cunicoli del sistema carsico sotto il Pian del Tivano, in compagnia di altri speleologi, con Bollini e la di lui fidanzata. Dopo aver accusato il problema al ginocchio, i compagni di spedizione lo hanno aiutato a tornare al campo base, ad oltre 200 metri di profondità. Il gruppo poi si è diviso, con tre componenti che sono risaliti domenica sera, mentre l’amico di San Marino è tornato ieri mattina lasciando la fidanzata con lo speleologo pollentino. Ad occuparsi dei soccorsi i vigili del fuoco del gruppo Speleo alpino fluviale, il Soccorso alpino e dei carabinieri.

(redazione CM)

ricerca_como_cegna-2-650x366

soccorso-alpino-lombardia

 

Speleologo bloccato in una grotta a oltre 200 metri di profondità

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X