facebook twitter rss

Litri di gasolio spariti al Cosmari,
due dipendenti condannati

TOLENTINO - Per uno di loro contestato il peculato, per un secondo accusa derubricata in ricettazione. Il terzo imputato è stato assolto con formula piena. Oggi la sentenza al gup del tribunale di Macerata
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
152 Condivisioni

 

Lo stabilimento del Cosmari

 

di Gianluca Ginella

Dipendenti del Cosmari sotto accusa per peculato: uno di questi è stato condannato a 3 anni, un altro ad 1 anno e 8 mesi (reato modificato in ricettazione) e un terzo è stato assolto. In sintesi a tutti e tre l’accusa, sostenuta dal pm Claudio Rastrelli, contestava di essersi appropriati di litri di gasolio di proprietà del Cosmari di Tolentino. Oggi l’azienda di smaltimento rifiuti si è costituita parte civile all’udienza davanti al gup Domenico Potetti del tribunale di Macerata. I fatti contestati erano avvenuti tra l’agosto e il dicembre del 2017. A tre anni per peculato è stato condannato Claudio Rossi, 52 anni, di Pollenza. Rossi in qualità di capo del servizio nella raccolta di rifiuti del Cosmari (era capo area di riferimento addetto alla raccolta delle ricevute relative al rifornimento dei mezzi, alla gestione dei turni, e all’assegnazione dei mezzi) si sarebbe appropriato di 595 litri di gasolio asportandoli dai serbatoi dei mezzi, di 7 taniche da 25 litri, piene di gasolio, (che vennero trovate nel suo garage), di un compressore, sempre trovato nel garage e ancora di una confezione di catene da neve per camion. Inoltre gli viene contestato di essersi appropriato di 50 litri di gasolio contenuti in una tanica che avrebbe occultato e preparato per cederla ad un altro imputato, Romeo Di Luca, 60, di San Ginesio, e di ulteriori 11 taniche in plastica piene di gasolio (225 litri in tutto) che vennero trovate in una casa colonica di Di Luca. A Di Luca, autista dei mezzi di raccolta rifiuti del Cosmari, condannato oggi per ricettazione (reato in cui è stato derubricata l’iniziale contestazione di peculato) a 1 anno e 8 mesi, viene contestato appunto di essere stato in possesso dei 50 litri di gasolio e dei 225 litri di gasolio trovati nella sua casa colonica. Al terzo imputato, Ezio Ancillai, 56, di Tolentino, veniva contestato di essersi appropriato di 25 litri di gasolio avendo preso una tanica, appositamente preparata e occultata da Rossi. Ancillai è stato assolto con formula piena. Gli imputati sono assistiti dagli avvocati Paolo Giustozzi (per Rossi), Paolo Rossi (per Di Luca) e Giulia Vitali (per Ancillai). Il Cosmari si è costituito parte civile, tutelato dal legale Cinzia Cioverchia.

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X