facebook twitter rss

Ritratto di padre Matteo Ricci,
l’opera torna a splendere

RESTAURO - Il progetto vede insieme Comune, Macerata Musei e Rotary Club. Il dipinto verrà mostrato venerdì alle 17,30 a Palazzo Buonaccorsi in occasione della lectio del professor Filippo Mignini
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
26 Condivisioni

 

Il ritratto di padre Matteo Ricci in abiti confuciani

 

Il seicentesco ritratto di padre Matteo Ricci custodito nei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi torna a splendere grazie a un intervento di restauro con un progetto che vede insieme Comune di Macerata, Macerata Musei e Rotary Club “Matteo Ricci” di Macerata, che ha sostenuto il restauro per un importo di 1.800 euro. In occasione del ritorno in mostra dell’opera, il 14 febbraio alle 17,30, a Palazzo Buonaccorsi si terrà un’iniziativa, cui è invitata tutta la cittadinanza, con una lectio del professor Filippo Mignini, studioso del gesuita cui si deve la pubblicazione e la traduzione di molte opere inedite ed un’attività di studio e diffusione della conoscenza dell’illustre gesuita maceratese. «L’impegno del Rotary Club Matteo Ricci, di cui ringrazio il presidente e i soci, è il segno di una città che attraverso il proprio tessuto associativo sa essere comunità e sa ritrovarsi intorno al proprio di patrimonio cultuale – commenta il sindaco Romano Carancini -. Il recupero del ritratto di padre Matteo Ricci è l’ulteriore testimonianza di un cammino consapevole e costante della città che ha voluto riconoscersi, nei 10 anni di questa amministrazione, nei valori dell’amicizia, della conoscenza, della relazione tra mondi diversi di cui padre Matteo Ricci è esempio internazionale».

Il presidente del Rotary Andrea Cirilli

Ricorda Stefania Monteverde, assessore alla Cultura: «Questa operazione è nata nel corso di una serata in cui ho proposto a Massimiliano Fraticelli del Rotary Matteo Ricci di restaurare il ritratto bellissimo di padre Matteo Ricci rappresentato in abiti confuciani, esempio di intercultura e di amicizia tra i popoli. La risposta è stata subito favorevole e tutto il club ha sposato l’idea. È un esempio di comunità maceratese che opera insieme valorizzando il territorio, pensando all’amicizia con la Cina che continua ancora oggi e a cui va la nostra vicinanza per questi tempi così difficili». Andrea Cirilli, attuale Presidente del Rotary Macerata “Matteo Ricci” sottolinea con viva soddisfazione la felice collaborazione tra il Rotary ed il Comune di Macerata: «La collaborazione è cresciuta grazie a tante iniziative fatte insieme come il rifacimento dell’illuminazione del Monumento ai Caduti. Il restauro del ritratto di Padre Matteo Ricci è solamente l’ultima di una felice attività di servizio alla città portata avanti dal Club». Il restauro, eseguito da un’impresa del territorio “Restauri e dipinti S.a.s. di Mapia Pia Topa e C.”, ha permesso il recupero estetico del dipinto evidenziandone la lucentezza della cromia, compromessa dal tempo, e permettendo l’omogeneità di lettura dell’opera che rappresenta Matteo Ricci a figura intera, con la veste lunga dei letterati confuciani, mentre con la destra tiene un ventaglio e con la sinistra sorregge il monogramma dell’ordine, simboli dell’importante azione interculturale per il rispetto reciproco. L’opera fa parte delle collezioni civiche dedicate ai concittadini illustri e costituisce una rara e preziosa testimonianza della memoria del grande gesuita maceratese che è conosciuto in Cina come Li Madou, missionario, fondatore della moderna sinologia oltre che raffinato studioso di discipline scientifiche e letterarie. Alla presentazione, oltre al sindaco, al presidente del Rotary e all’assessore alla Cultura, interverrà anche Guliana Pascucci, curatrice dei musei civici.

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X