facebook twitter rss

Vincisgrassi alla maceratese,
il veicolo di promozione
del nostro territorio

BONTA' - Il concetto è stato riaffermato al convegno di Cingoli che ha avuto un grosso successo di partecipazione. Gli stessi ristoratori hanno riscontrato che sono aumentate, da parte della clientela locale e dei turisti, le richieste di gustare questo piatto che si avvia ad avere il riconoscimento europeo Stg
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
530 Condivisioni

 

Alcuni dei partecipanti al convegno di Cingoli

 

Il convegno svoltosi a Cingoli per esaltare un prodotto di eccellenza del nostro territorio, e cioè i “vincisgrassi alla maceratese”, per il quale sta avviandosi alla conclusione l’iter per il riconoscimento europeo come Specialità tradizionale garantita (Stg) ha avuto un successo assai superiore alle aspettative degli organizzatori.

Infatti c’è stato non solo un intervento massiccio della cittadinanza di Cingoli ma molte persone sono arrivate anche da Macerata e da altre località della zona. Infatti il riconoscimento europeo Stg per i vincisgrassi viene visto non solo come un blasone da abbinare al lavoro di un ristorante ma soprattutto come un elemento di promozione per tutto il territorio per i riflessi anche turistici che può avere. I vincisgrassi infatti possono costituire la chiave di volta per far conoscere la qualità non solo della ristorazione della nostra provincia ma anche e soprattutto dei prodotti di eccellenza che il nostro territorio può offrire. I quali sono tanti e spesso sono sconosciuti agli stessi maceratesi.

Il convegno è servito anche per rafforzare lo spirito di corpo che si è creato tra tutti gli enti e associazioni che hanno portato avanti l’iter per il riconoscimento Stg, e cioè Associazione provinciale cuochi “Antonio Nebbia”, delegazione di Macerata dell’accademia Italiana della cucina, l’istituto professionale alberghiero “Girolamo Varnelli” di Cingoli e le due università di Macerata e Camerino, le quali hanno trovato la collaborazione del Comune di Cingoli che ha patrocinato l’evento. Lo stesso sindaco Michele Vittori ha portato il saluto della città mentre Stefania Monteverde, vice sindaco di Macerata, ha portato il saluto di Macerata.

Dopo il saluto della professoressa Madria Rosella Bitti, dirigente scolastico dell’istituto professionale alberghiero di Cingoli, la presidente dell’associazione provinciale cuochi di Macerata Iginia Carducci, l’”alfiere dello Scacco” di Cingoli, Stefania Cicarilli, e il professor Leonardo Lupinelli hanno illustrato il progetto per il riconoscimento Stg sottolineando che già questa iniziativa ha richiamato l’attenzione di molti consumatori, soprattutto stranieri, che hanno ripreso a chiedere al ristorante di avere i vincisgrassi. Il professor Marcello Stefano dell’istituto alberghiero di Cingoli ha ricordato che la ricetta originaria dei vincisgrassi, che era destinata a condire le uova ad occhio di bue, si chiamava “salsa alla principe di Galles”. Il delegato dell’accademia Italiana della Cucina, Ugo Bellesi, ha messo in evidenza che molte località delle Marche hanno inserito nella ricetta dei vincisgrassi numerose varianti, addirittura il prosciutto cotto e la mozzarella. La dottoressa Letizia Carducci ha illustrato il valore di un piatto identitario come i vincisgrassi nell’offerta turistica.

La dottoressa Chiara Aleffi dell’università di Macerata ha riferito in merito ad una indagine tra i ristoratori maceratesi sul potenziale economico della certificazione Stg dei vincisgrassi. Il professor Pierluigi Feliciati dell’ateneo maceratese ha parlato dell’identità gastronomica on line della voce “vincisgrassi alla maceratese” che si trova su Wikipedia. Ha concluso i lavori del convegno il professor Gianni Sagratini, che dirige il corso di laurea in scienze gastronomiche, ha messo in evidenza l’importanza della cultura per la valorizzazione del territorio. Al termine del convegno gli allievi dell’Istituto professionale alberghiero di Cingoli hanno offerto alla cittadinanza e agli ospiti numerosi “scacchi” di vincisgrassi da loro stessi preparati secondo la ricetta dei “vincisgrassi alla maceratese”.

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X