facebook twitter rss

Spese in Comune, il M5S denuncia:
«Pasti, benzina e persino un crocifisso
rimborsati con vaghe giustificazioni»

TOLENTINO - La denuncia dei consiglieri Gian Mario Mercorelli e Martina Cicconetti che hanno presentato un esposto alla Corte dei Conti. Report su un campione di circa 200 pagamenti «giustificati in modo sin troppo vago»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
635 Condivisioni

 

Il rendiconto dei rimborsi comunali durante l’incontro di questa mattina organizzato da Gian Mario Mercorelli e Martina Cicconetti, del Movimento 5 Stelle di Tolentino

 

di Giacomo Gardini

«Su un campione di circa 200 rimborsi le modalità di liquidazione in Comune non convincono affatto». E’ quanto denunciano i consiglieri del Movimento 5 stelle di Tolentino Gian Mario Mercorelli e Martina Cicconetti. Pranzi e cene, sempre negli stessi locali, ricariche telefoniche, carburante, viaggi e addirittura un crocifisso tra gli indennizzi pagati dalle casse comunali. Tanto che i pentastellati si chiedono se non ci sia un vero e proprio caso di spese pazze in Comune. 

Gian Mario Mercorelli e Martina Cicconetti (M5s)

Durante l’incontro di questa mattina i due esponenti grillini hanno mostrato i rimborsi. «Soltanto i casi più rappresentativi. Ce ne sono molte altre – dice Cicconetti -. Tutte accomunate da un unico fattore: i rimborsi sono stati spesso liquidati senza un’apposita determina». «Abbiamo consultato le bollette dei rimborsi – spiega Mercorelli -, o almeno quelle dal 2016 ad oggi, dato che le altre sono ancora nella sede inagibile del Comune. Naturalmente non spetta a noi stabilire se si tratti o meno di illecito, bensì alle autorità competenti. Il nostro unico intento è quello di informare la cittadinanza sulla nostra attività di monitoraggio, scattata nel settembre scorso». Molti dei documenti che potrebbero giustificare i rimborsi, sottolineano i due consiglieri, mancano all’appello, «quando proprio l’articolo 84 del Tuel – spiega Cicconetti – sancisce che non è possibile richiedere un indennizzo all’economo comunale senza tutta la documentazione necessaria. Inoltre, nella maggioranza dei casi, si tratta di pasti per missioni istituzionali, che tuttavia non possono essere svolti nel territorio comunale. Per farla breve, è possibile richiederlo per un pranzo a Roma, ma non qui a Tolentino». Oltre allo scontrino, come previsto dal Tuel, è fondamentale riportare il numero dei partecipanti e le ragioni dell’incontro. Ma «spesso mancano i nominativi, o addirittura gli scontrini stessi», aggiungono i grillini.

Cicconetti con il faldone delle 200 bollette consultate

«Il problema è gigante – dice Mercorelli – perché la quantità dei meeting organizzati dal Comune al ristorante, per l’organizzazione di feste o manifestazioni, sono tantissimi. Un caso: a due mesi dal premio Ravera, nel giro di due giorni ci sono state due cene ed un pranzo, per una spesa di 96, 170 e 270 euro. Ma non sono mai stati indicati i partecipanti che, com’è possibile dedurre dagli scontrini, vanno dalle otto alle 15 persone». Un altro caso emblatico riguarda la vicenda della donazione per il campus scolastico da parte dell’Arpa Foundation (leggi l’articolo), poi sfumata. «Abbiamo recuperato tre biglietti del treno – spiega Cicconetti – risalenti al 30 novembre 2018, tratta Foligno-Roma, andata e ritorno, per firmare la convenzione della donazione. Uno è a nome del sindaco Giuseppe Pezzanesi, gli altri due entrambi con il nominativo di Paolo Cristiano, segretario comunale. La cosa è un po’ strana già da sé. Nella causale del rimborso, però è specificato che la terza persona era un tecnico incaricato. Abbiamo chiesto spiegazioni agli uffici comunali e ci è stato detto che si trattava dell’architetto Ubaldo Severini, incaricato dall’Arpa Foundation, quindi non interno al Comune. Quindi mi chiedo, perché abbiamo rimborsato il viaggio di un tecnico incaricato da un altro ente?».

I presenti all’incontro

E poi il rimborso (di 28 euro), richiesto da Carmelo Ceselli, presidente del Consiglio comunale, per un crocifisso da esporre in sede di consiglio. Lo stesso Ceselli, di ritorno da una manifestazione ad Arcevia, ha ottenuto l’indennizzo per un pranzo a Serrapetrona, per due persone: «Avrebbe potuto chiederlo se avesse pranzato ad Arcevia – sottolinea Mercorelli – oppure per il carburante della trasferta. Ormai il viaggio era concluso, e oltretutto il pasto è per due persone, senza indicare chi fosse l’altra». «Cene dopo il premio Ravera – continua Mercorelli – giustificate da scontrini non fiscali. Più scontrini per cene avvenute nella stessa serata, come se gli invitati, quasi mai indicati, abbiano mangiato due volte. All’appello ci sono anche ricariche telefoniche da 50 euro “per esigenze lavorative” ad un dipendente comunale e 400 euro, senza nessuno scontrino, al direttore di Biumor, riportati come “spese di rappresentanza”, ma senza specificare quali. Addirittura rimborsi ad un “volontario” comunale». «Non abbiamo fatto altro – dice Cicconetti – che riportare quanto emerso dal nostro studio. Una settimana dopo le nostre consultazioni, alcuni dati sono stati aggiunti e aggiornati fortunatamente. Ma i casi sono tantissimi, tutti caratterizzati dalla stessa imprecisione nel riportare le causali delle spese rimborsate». «Abbiamo fatto riferimento a chi dovrà decidere in merito alla questione – conclude Mercorelli – presentando un esposto alla Corte dei conti per segnalare queste situazioni anomale».

 

Le cifre dei rimborsi ad un volontario del Comune

Il rimborso al direttore Biumor

 

I biglietti del treno, collegati alla vicenda dell’Arpa Foundation

Il rimborso di 28 euro per l’acquisto di un crocifisso

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X