facebook twitter rss

Addio a Francesca Pedanesi,
in prima linea dopo il sisma

AVEVA 53 ANNI ed era originaria di Castelsantangelo, viveva a Roma dove è morta. Per il comune terremotato si era data molto da fare portando aiuti e promuovendo la rinascita del territorio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
950 Condivisioni

 

Francesca Pedanesi

 

Castelsantangelo piange Francesca Pedanesi, 53 anni. Si è spenta questa mattina all’ospedale Gemelli di Roma, era malata da tempo, ultimamente le sue condizioni si erano aggravate. Originaria di Castelsantangelo sul Nera dove la sua famiglia ha una casa di proprietà resa inagibile dal terremoto, viveva da anni a Roma. Era tenacemente legata al suo paese di origine, che amava con tutta se stessa, per lo splendore della natura, le bellezze artistiche e la genuinità dei sapori. Nel cimitero di Castelsantangelo tornerà domani, per il suo ultimo viaggio. Era stata tra i primi, subito dopo le devastazioni del terremoto, a tornare in paese e dare una mano a chi aveva perso tutto, fondando insieme ad altre persone “Un aiuto concreto per Castelsantangelo sul Nera”, adoperandosi per aiutare i suoi concittadini e quelli dei centri vicini, con eventi ed iniziative di solidarietà. Erano state ideate da lei la giornata “Tutti agibili per un giorno” e successivamente l’evento al femminile “Donne, bellezza e dignità dei Sibillini”. Credeva fermamente nella rinascita dei Sibillini, dalla pagina Facebook dell’associazione aveva iniziato a far conoscere gli scenari naturali più belli e le attività ancora operative, i personaggi che non si sono arresi al terremoto ed hanno animato gli anni difficili del dopo sisma, con la volontà di far conoscere i territori alla vasta platea del web, per promuoverli e valorizzarli, anche con finalità turistica. Si era spesa in prima persona per creare ed organizzare eventi ed occasioni di incontro con la popolazione, sempre per il grande amore che la legava a quest’angolo di Marche. «Ci ha lasciato una grande donna – la ricorda commosso un amico – una persona fantastica che ha lottato tutta la sua vita per la libertà ed ha amato Castelsantangelo con tutta la sua anima, buon viaggio amica mia».

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X