facebook twitter rss

Fellini a Tolentino, “Amarcord”
all’insegna dell’umorismo

STORIA - Il maestro del cinema, del quale ricorre il centenario della nascita, diventò grande amico della Biennale e in segno di stima donò al Museo della caricatura l’originale di un suo bozzetto del personaggio “Lo zio matto”. Fino al 26 gennaio una mostra nel foyer del Politeama ricorda il regista
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
76 Condivisioni

 

Fellini in visita alla Biennale dell’Umorismo nel 1991

 

di Alessandro Feliziani

Tra pochi giorni ricorreranno i cento anni della nascita di Federico Fellini (Rimini, 20 gennaio 1920) e da alcune settimane si stanno intensificando iniziative per ricordare il regista romagnolo, unico italiano a vincere quattro volte l’Oscar per il miglior film straniero (“La strada”, “Le notti di Cabiria”, “8½” e “Amarcord”). Tra i primi a rendere omaggio a Fellini, in vista dell’apertura del centenario, è stata la Biennale internazionale dell’umorismo nell’arte di Tolentino, che in occasione dell’apertura della sua trentesima edizione (ancora in corso a palazzo Sangallo fino al 26 gennaio), ha dedicato al “più influente dei maestri del cinema italiano” una mostra nel foyer del Politeama dal titolo “Surreale, poetico e visionario – Federico Fellini e la Biennale”.

Bozzetto originale “Lo zio matto” del film Amarcord, donato da Fellini al Museo della caricatura di Tolentino

Oltre a caricature di Fellini realizzate da diversi artisti, sono state esposte – purtroppo per soli pochi giorni – un famoso disegno realizzato dallo stesso Fellini come bozzetto del personaggio di Amarcord, “Lo zio matto” e diverse foto che documentano la presenza del regista a Tolentino il 7 settembre 1991, in occasione dell’inaugurazione della 16^ Biennale. Quell’anno la rassegna di Tolentino, che – caso rimasto unico – assegnò entrambi i premi maggiori a due artisti marchigiani, Giulio Bartolomei (Premio Marcorelli per il disegno umoristico) e Antonio Bellesi (Premio Mari per la caricatura), ospitava due eventi promossi dal direttore artistico Melanton cui Fellini (intervenuto insieme a sua moglie Giulietta Masina) non poteva mancare: un’antologica del caricaturista ligure Nino Za e una mostra dedicata al Marc’Aurelio, il famoso giornale satirico fondato nel 1931. Fellini, infatti, benché noto a tutti come regista, in gioventù fu anche un “fumettista”. A fargli scoprire questa passione che da ragazzo covava dentro di sé fu proprio Nino Za incontrato la prima volta al Grand Hotel di Rimini, ma che – come scrisse Fellini stesso in un ricordo pubblicato nel catalogo della Biennale di Tolentino del 1991 – già era diventato “il mio artista ideale attraverso le caricature che vedovo risplendere nelle copertine all’edicola della stazione”. Il Marc’Aurelio, invece, rappresenta il primo lavoro di Fellini, che all’età di 18 anni lascia Rimini per andare a Roma dove viene assunto nel giornale fondato da Oberdan Cotone e Vito De Bellis, inizialmente come segretario di redazione e poi come redattore ordinario. “Il Marc’Aurelio – disse Fellini in un’intervista rilasciata al giornalista Renato Pallavicini alcuni mesi dopo la sua partecipazione alla Biennale di Tolentino – è stato una scuola, un seminario, una fucina straordinaria anche per il cinema. Ci lavoravano Steno, Scola, Marchesi; moltissimi sceneggiatori e registi”.

Fellini con il direttore artistico della Biennale, Antonio Mele (Melanton)

Il regista riminese ebbe sempre un forte legane con l’umorismo. E questo lo si può comprendere anche da molti suoi film in cui non mancano aspetti grotteschi (Lo sceicco bianco, I vitelloni, La città delle donne, 8½). Molti suoi personaggi sono anche umoristici e pensati anche nella loro fisicità per far ridere, come il Teo (Ciccio Ingrassia) di Amarcord, nato dalla matita dello stesso Fellini e il cui bozzetto originale, “Lo zio matto”, è stato donato al museo della caricatura di Tolentino. Un gesto che dimostrò concretamente la grande amicizia nata in quel mese di settembre 1991 tra Fellini e Tolentino e soprattutto tra Fellini e la Biennale dell’umorismo, “la cui scoperta” – come dichiarò il regista al microfono di Edoardo Mattioli – gli aveva fatto “rivivere gli anni giovanili”. Purtroppo quel sodalizio si spezzò appena due anni più tardi con la morte del Maestro.

Fellini con Nino Za

Fellini con alcuni amministratori locali di Tolentino

Caricature di Fellini conservate nel Museo della Caricatura di Tolentino

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X