facebook twitter rss

I saldi partono in sordina a Civitanova,
ma ok gli affari sotto Natale:
«Capitale dello shopping nelle Marche»

LE VOCI DEI NEGOZIANTI (VIDEO) - Partiti gli sconti tra tante novità con chiusure "eccellenti" e nuove aperture. Annalisa Turchi (Rosso Porpora): «Partenza un po' a rilento, l'anno scorso era andata meglio». I gioielliere Matteo Cartechini: «Meno incassi dell’anno scorso ma più scontrini». Teresa Biancucci dell'associazione Centriamo: «Si spende in modo diverso, più che i pacchi sotto l'albero i giovani scelgono viaggi e vacanze»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
82 Condivisioni

In alto da sinistra, in senso orario: Daniela Frontoni, Matteo Cartechini, Teresa Biancucci, Leticia Riso

 

di Laura Boccanera (Foto e Video di Federico De Marco)

Saldi un po’ in sordina a Civitanova e commercianti soddisfatti a metà. Non è facile quest’anno individuare una tendenza per il commercio, fra negozianti che si dichiarano soddisfatti, tante novità in centro con nuovi punti vendita, ma anche alcuni dati in controtendenza su alcuni settori, con un calo dello scontrino medio e alcune chiusure.

Daniela Frontoni titolare Gommalacca

I primi giorni di saldi in città non sono stati accolti dalla ressa davanti alle vetrine che si vede nelle grandi città. Dopo il periodo natalizio probabilmente si aspetta l’arrivo dello stipendio per togliersi qualche sfizio e acquistare qualche capo approfittando degli sconti. E fra negozi che aprono anche qualche chiusura “eccellente”. Cambia la geografia del commercio in città: su corso Umberto l’Epifania ha portato come sorpresa la chiusura del bar Synbiofood. La catena di ristorazione e bar nata come start up dell’Università di Camerino ha altri due punti vendita, uno in via Carducci e uno all’interno del centro commericale Cuore Adriatico. Quello su corso Umberto è stato il primo ad aprire, ma da qualche giorno la vetrina è coperta e un cartello ne annuncia la chiusura. Cambia invece posizione Arcadia, storica boutique del vialetto nord che si sposta di qualche decina di metri, sempre in centro e pare che anche un altro punto vendita rinomato stia per abbassare la saracinesca. Ma per qualche negozio che chiude, molti invece hanno aperto e hanno scelto il centro. Come ad esempio Daniela Frontoni di “Gommalacca”, nuovo punto vendita di via Conchiglia dal sapore vintage e che raccoglie l’oggettistica e le passioni della sua titolare, una vita in giro per il mondo come commerciale per aziende di accessori che ha tentato l’impresa di un’attività tutta sua. «Per vent’anni mi sono occupata di accessori per il settore moda, maglieria e cappelli, però il mio sogno nel cassetto era quello di avere qualcosa che rispecchiasse la mia personalità e un giorno quel sogno mi è venuto a bussare. Il nome, Gommalacca, è nato da un libro che ho letto, è un materiale utilizzato nel passato per il restauro dei mobili». E in effetti anche il negozio è un piccolo oggetto prezioso, arricchito da mobili vintage che arrivano direttamente dalla casa della titolare, collezionati e trovati in giro per mercatini, come una cassettiera di una merceria livornese che oggi è un espositore del piccolo negozio di via Conchiglia: «ho aperto ad inizio dicembre quindi non ho un metro di paragone per capire se le festività siano andate bene o male, ma io sono soddisfatta, nonostante abbia aperto da poco in tanti sono venuti per regali e per curiosità».

Matteo Cartechini titolare Gioielleria Cartechini

Addirittura ha terminato il riassortimento durante i saldi ScVro Milano, nuovo punto vendita di abbigliamento uomo su corso Umberto I: «è un target che mancava – commenta la commessa Leticia Riso – un negozio che rappresenta una novità, il target elegante, ma a prezzi contenuti e abbiamo lavorato molto bene sia a Natale che con l’avvio dei saldi. La scelta del centro di Civitanova è dettata dalla proprietà che ha anche un altro negozio in via Duca degli Abruzzi e che nel commercio in centro crede molto». Target decisamente diverso nella storica gioielleria Cartechini: «le feste sono andate bene, anche se quest’anno registriamo un 10% in meno circa nel punto vendita del Cuore Adriatico. A differenza dello scorso anno abbiamo fatto più scontrini, ma incassato meno, un segnale chiaro di come cambiano i consumi. Per il target di fascia alta invece qui in centro abbiamo venduto anche pezzi importanti. Civitanova rimane comunque una piazza eccezionale per il commercio, ormai è la vera capitale dello shopping nelle Marche» ha detto il titolare Matteo Cartechini.

Teresa Biancucci- associazione Centriamo

Cambia la zona e cambia anche la soddisfazione dei commercianti: nel tratto nord del corso ad esempio, nonostante una clientela affezionata e capi ricercati, Annalisa Turchi di Rosso Porpora, chiede maggiore attenzione e investimenti: «per novembre e dicembre non mi lamento, sono stati mesi in cui si è lavorato bene. I saldi sono partiti un po’ a rilento, oggi ad esempio non c’è proprio nessuno, per cui rispetto allo scorso anno l’avvio è stato meno soddisfacente, ma complessivamente l’anno è andato bene. Bisognerebbe però incrementare qualche iniziativa, specie per questa parte di corso Umberto che rimane sempre piuttosto deserto. È vero che c’è la crisi, ma ci sono stati pochi eventi». Bilancio finale da parte di Teresa Biancucci dell’associazione Centriamo: «saldi ed Epifania mi dicono i commercianti che siano andati piuttosto bene, per quanto riguarda il Natale è stato discreto anche grazie ad un clima ottimo che ha portato la gente ad uscire. Vero è che i consumi e il nostro modo di fare acquisti è profondamente cambiato. Si spende in modo diverso, oggi i giovani ad esempio rinunciano ai regali di Natale e preferiscono investire in viaggi e vacanze, comprare online. Settori come l’estetica e la ristorazione si mantengono solidi e magari altri beni di consumo e non di prima necessità vengono meno».

 

Rosso Porpora

Leticia Riso – Scvro Milano

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X