facebook twitter rss

Esercitazione al porto:
la Capitaneria “salva” una persona
In Comune simulazione antincendio

CIVITANOVA - Lungo la banchina Gasparroni i vigili del fuoco, la Croce verde e la protezione civile, coordinati dalla Guardia costiera, hanno simulato un soccorso e lo spegnimento di un rogo, mentre a Palazzo Sforza c'è stata una prova di evacuazione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
191 Condivisioni

 

Un momento dell’esercitazione

 

Sirene al porto di Civitanova questa mattina per l’esercitazione programmata che ha visto in azione, coordinati dalla Capitaneria di porto e dal Tenente di Vascello Giuliano Gentilini, i vigili del fuoco, la croce Verde e la protezione civile. Alle 9 è scattato l’allarme: la simulazione prevedeva lo spegnimento di un incendio e il soccorso a persona.

Lungo la banchina Gasparroni dell’area portuale è stato messo in scena il rogo di un bidone della spazzatura. Tra i passanti una ragazza che per evitare le fiamme ha iniziato a correre, inciampando e finendo a terra ferita. Sul posto subito la Capitaneria di porto, in azione anche la motovedetta 839, che ha dato l’allarme allertando i vigili del fuoco che in pochi minuti hanno domato le fiamme. Il personale della Croce verde ha invece soccorso la donna caduta. Tutta l’operazione è durata una manciata di minuti, garantendo la sicurezza del porto e l’incolumità dei presenti.

Lo scopo delle simulazioni che si ripetono ogni anno sempre tra la fine di novembre è quello di coordinare al meglio i mezzi e gli uomini coinvolti in caso di allarme reale e di farlo nella maniera più celere possibile. E mentre al porto bruciava un bidone della spazzatura un allarme antincendio è scattato anche a Palazzo Sforza. Anche qui si trattava di una simulazione: era un test di prova per promuovere le buone pratiche di evacuazione in caso di allarme. Certo però che la situazione non è passata inosservata con il personale del comune che si è riversato in piazza e sotto il portico del palazzo comunale provocando la curiosità e l’interesse dei passanti.

(foto di Federico De Marco)

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X