facebook twitter rss

In 200 per salvare l’Imperium:
sulle colline di Pioraco è “guerra”

TORNEO nazionale di soft air con partecipanti da tutta Italia. Il sindaco Cicconi al centro di una "finta" sparatoria: «Per noi un'occasione di promozione turistica e culturale»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
433 Condivisioni

Uno dei gruppi partecipanti

 

«Fermi, è il sindaco». Con questo grido Matteo Cicconi, primo cittadino di Pioraco, scambiato per un obiettivo, è stato salvato da una raffica di pallini da 20 grammi questa mattina durante una “sparatoria”. Naturalmente si trattava solo di un gioco, visto che nel paese dell’entroterra è in corso un torneo nazionale di soft air che ha visto la partecipazione di 200 giocatori da tutta Italia.

Il sindaco che ha “sposato” l’evento è stato accompagnato sull’area gioco dove ha assistito, molto da vicino, a cosa accade e naturalmente l’entusiasmo con cui ha accolto la manifestazione non è stato minimamente scalfito dall’episodio che lo ha visto protagonista. «Per noi è un valore aggiunto  – commenta – e un’altra occasione per promuoverlo e farlo conoscere. E’ un modo per far lavorare le aziende locali, e sotto il profilo turistico e culturale. Speriamo che si possa ripetere».

Il torneo si chiama Imperium ed è organizzato dal Comitato regionale Marche della Federazione italiana giochi tattici. Le squadre sono impegnate nel gioco per 26 ore consecutive, dalle 9 di questa mattina e fino alle 11 di domani tra Pioraco, Castelraimondo e Fiuminata. «Ieri sera a Pioraco – racconta Andrey Poltavets, uno degli organizzatori –  c’è stata una sorta di anteprima con tanto di finto matrimonio a cui i giocatori si sono dovuti infiltrare. Comunque ogni situazione si risolve con degli obiettivi a cui devono sparare». Insomma un enorme gioco di ruolo che sta popolando le colline dell’entroterra basato su una storia di fantasia. «Imperium è una realtà alternativa – spiegano gli organizzatori – in cui una navicella spaziale del passato caduta a Pioraco nel 1949 ha fatto nascere un Impero che ha le dimensioni di quello romano e si è sviluppato usando le tecnologie che stavano sulla navicella. I ribelli vogliono rendere la tecnologia disponibile per tutti e i partecipanti al gioco devono aiutarli a minare l’impero dall’interno. Scopriranno poi che le loro azioni sono abbastanza vane perchè taglieranno una testa, ma questa sarà sostituita subito da un’altra».

(a. p.)

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X