facebook twitter rss

«Problema mutui per i terremotati,
serve un intervento del governo»

SISMA - Il comitato di Camerino "Mutui sulle macerie" ha presentato una relazione in Parlamento per chiedere aiuto: «Nuova negoziazione del capitale residuo senza applicazione di interessi»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
27 Condivisioni

Macerie nella zona rossa di San Placido

 

«Due anni di lavoro, fatto di ascolto delle testimonianze della popolazione coinvolta, incontri con politici dei diversi schieramenti, associazioni di categoria, Abi nazionale e regionale: abbiamo presentato alla commissione Ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera, la nostra relazione relativa al problema dei mutui ed alla loro possibile soluzione». La richiesta di un provvedimento che sia di aiuto a coloro che hanno mutui su case ed attività che saranno inagibili ed irrecuperabili per anni, giunge ancora una volta dal “Comitato mutui sulle macerie” di Camerino, esteso a numerosi centri del cratere sismico. Il gruppo ha presentato in Parlamento una relazione per chiedere nuovamente aiuto: «Serve un intervento mirato ed in aiuto ai soggetti mutuatari residenti nel cratere sismico, che hanno subito danni strutturali ed economici ad abitazioni ed attività». L’appello è stato lanciato al governo, al commissario straordinario alla Ricostruzione Piero Farabollini, all’Abi (associazione bancaria italiana). La proposta di intervento è così articolata: «Accollo della quota capitale da suddividere in ragione di un terzo tra istituto di credito, stato e mutuatario; individuazione da parte degli istituti di credito dei clienti che hanno subito determinati danni, creando un intervento calcolato in base al danno subito, stabilendo una scala dei danni a seconda che l’immobile sia stato demolito o da demolire, abbia un’inagibilità con scheda Aedes E, si trovi in zona rossa o abbia bisogno di interventi diversi». Nel dettaglio si chiede di «permettere una nuova negoziazione del capitale residuo senza applicazione di interessi e senza spese istruttorie e con un piano di ammortamento che rispecchi le attuali possibilità economiche del mutuatario; permettere al mutuatario di estinguere la quota capitale residua in un’unica soluzione applicando un bonus e cancellando gli interessi di mora sulle rate sospese, o in alcuni casi sull’intero ammontare del capitale, ove siano stati applicati». Da due anni il comitato si sta battendo per portare all’attenzione politica il dramma di chi ha perso tutto e gli resta sulle spalle un lungo mutuo. «I cittadini residenti nel cratere che avevano in essere un mutuo per il finanziamento di immobili o attività imprenditoriali, ad oggi hanno visto solo una continua sospensione dei mutui – rileva il comitato – decisa dal governo, ma applicata in modo diverso e difforme dalla normativa, dagli istituti di credito. Tale sospensione dei mutui è una deleteria soluzione al problema, per il cliente terremotato». Il comitato, presieduto da Antonella Rossi, rileva come la ricostruzione sia ancora lontana: «A distanza di tre anni non vi è un cenno d’inizio di ricostruzione, e molti mutuatari hanno ad oggi, e per altri trent’anni così le statistiche, le abitazioni inagibili o site in zona rossa, oltre alla perdita del lavoro ed in alcuni casi di entrambi. Il potere economico di molti si è modificato in negativo e di conseguenza non hanno la possibilità economica e psicologica di adempiere al pagamento delle restanti rate del mutuo, si assiste inoltre ad uno spopolamento del territorio che è in grave recessione, senza alcun accenno di ripresa e qualche attività ha chiuso per mancanza di clientela».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X