Dimissioni di Marini Marini:
rinviata la decisione

USSITA - Assemblea pubblica convocata dal sindaco con circa 200 cittadini. Si è parlato anche di energia elettrica e degli impianti di risalita: «Fondamentale la ripartenza della stazione sciistica di Frontignano». L'assessore Basilli ha chiarito che non è mai stato nelle intenzioni dell’amministrazione vendere le centrali di produzione
- caricamento letture

 

assemblea-ussita

L’assemblea di Ussita (foto di Barbara Olmai)

 

Si sono ritrovati in circa 200 tra residenti, proprietari di seconde case e persone appassionate per un incontro indetto dal sindaco Vincenzo Marini Marini per riferire circa la prosecuzione del mandato. All’Ussita center il primo cittadino ha deciso rinviare la decisione delle sue annunciate dimissioni dopo una lunga discussione in cui ha spiegato le motivazioni che lo hanno indotto a richiedere l’assemblea e più in generale a far maturare l’ipotesi, con domande e considerazioni degli intervenuti.

marini-marini«Voglio arrecare il minor danno possibile alla comunità di Ussita – ha detto il sindaco – già duramente provata dagli eventi sismici e dalle necessità della ricostruzione che per ragioni indipendenti dalla volontà dell’amministrazione comunale, tarda ancora a partire». Due i principali argomenti emersi dal confronto. Il primo riguarda la distribuzione dell’energia elettrica. A differenza di quanto accade in altri comuni, questa attività attualmente è in carico al Comune che, in caso di danni, è costretto a intervenire, nonostante le poche risorse umane ed economiche a disposizione. A fronte di questo è emersa l’ipotesi della cessione dell’attività di distribuzione dell’energia elettrica  per ridurre gli oneri economici a carico del Comune, acquisire risorse economiche da investire nella produzione di energia elettrica e garantire un servizio efficiente ai cittadini.

marini-marini-assemblea«La distribuzione dell’energia elettrica – si legge nel resoconto dell’assemblea fatta dal Comune – è regolata da una legge speciale e sottoposta a una concessione trentennale con il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico). Il Comune di Ussita, per verificare la fattibilità dell’operazione di cessione, ha deciso di affidare l’analisi a un prestigioso studio internazionale, Dla Piper, che ha offerto la propria consulenza a titolo gratuito.  L’assessore Sante Basilli ha chiarito che non è mai stato nelle intenzioni dell’amministrazione comunale vendere le centrali di produzione dell’energia elettrica. Esse necessitano di investimenti per incrementare l’attuale livello di produzione. A tale scopo la Giunta ha definito una linea di indirizzo volta a destinare il 10% degli introiti provenienti dalle centrali ad investimenti per incrementare la produzione.

vincenzo-marini-sante-basilli

Vincenzo Marini Marini e Sante Basilli

A seguire il sindaco ha sottolineato l’importanza della ripartenza della stazione sciistica di Frontignano quale polo di attrazione per un turismo sia ambientale che sportivo. «Ussita, come tutti sanno, – continua la nota – si trova nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini ed è una delle maggiori risorse ambientali e naturalistiche della Regione Marche. L’indotto economico legato alla riapertura degli impianti coinvolge sia Ussita che un comprensorio territoriale molto più vasto che si estende anche oltre la nostra regione. Dopo aver chiarito le irregolarità legate alla Sibillini srl (società partecipata del Comune di Ussita), che ha gestito gli impianti di risalita fino all’agosto 2016, è stato spiegato che l’affidamento della gestione degli impianti alla Contram consentirebbe di offrire un servizio efficiente per i fruitori sollevando il Comune dal gravoso onere economico di una gestione diretta degli stessi. Preso atto che la Regione Marche ha destinato cifre notevoli al sisma e all’economia, assume particolare rilevanza l’attenzione che deve essere rivolta alla promozione turistica, in particolare nelle zone centrali del cratere, così come espressamente richiesto nelle lettere che il Comune ha inviato alla Regione affinché la gestione degli impianti di risalita entri a far parte delle priorità negli interventi di sostegno economico». Durante l’incontro il Sindaco ha inoltre comunicato che, per rispondere alle diverse necessità dei cittadini, sarà garantita in Comune la presenza costante degli amministratori di maggioranza.

 

Scontro in Consiglio, il sindaco minaccia le dimissioni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X