Bar Venanzetti: «Annullata conferenza CasaPound»

MACERATA - I commercianti dopo il blitz dei centri sociali: «Siamo rimasti basiti». Uno del gruppo ha minacciato di morte Carlo Gasparetti facendo il segno di tagliargli la gola
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

stefania-bar-venanzetti

Paolo Perini di Hub e Stefania Giuttari del bar Venanzetti dopo il blitz dei centro sociali

 

«Non si può lavorare così, annullerò la conferenza di domani». Stefania Giuttari è una delle due bariste del Venanzetti che era al lavoro durante il blitz dei ragazzi dei centri sociali. E la conferenza a cui fa riferimento è quella, che era prevista per domani, di CasaPound. «Accetto e capisco le proteste – continua la donna – ma non sopporto la maleducazione e l’inciviltà. Loro mi hanno detto: “Ma lo sai che ci arriveranno quelli di CasaPound domani?” e io ho risposto: “Certo, ma ci siete anche voi qui”». Come a dire: il nostro locale è aperto a tutti. «Sono cose che ci lasciano basiti – ha aggiunto Paolo Perini di Hub – creano disagi sociale e commerciale. Manca gestione e controllo della situazione, mentre noi ci sbattiamo per cercare di organizzare eventi e portare gente in centro». Uno del gruppo dei centri sociali poi è passato in piazza Vittorio Veneto e ha minacciato di morte Carlo Gasparetti,  titolare del negozio Alex, facendo il segno di tagliargli la gola.

 


 

galleria-scipione1-650x355

 

Tensione nel cuore di Macerata, blitz dei centri sociali (i video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X