“La mia stalla gratis,
ma nessuno la vuole”

TREIA - Marco Staffolani ha messo a disposizione una struttura per accogliere mille capi, ma non è mai stato contattato da nessun ente: "Preferiscono costruire tre tensostrutture in un'area a vincolo"
- caricamento letture

chiesanuova-stalle

Il crinale dove dovrebbero sorgere le tensostrutture per accogliere il bestiame a Treia

 

staffolani

L’allevatore Marco Staffolani

 

di Claudio Ricci

Ricostruzione, quando, come e a chi serve veramente? E’ giusto spendere soldi pubblici solo perché sono previsti da leggi e decreti e non utilizzare strutture a norma pronte ad essere utilizzate e c’è chi le mette a disposizione? E’ giusto costruire nuovi fabbricati con il rischio di danneggiare l’ambiente o siti storici di cui è ricca la provincia? Quesiti ricorrenti di questi tempi, che emergono ogni volta che cittadini o associazioni segnalano incongruenze e sprechi. A Treia, Marco Staffolani, titolare dell’omonima azienda, ha una stalla costruita nel 2008 e in grado di accogliere fino a mille capi oggi chiusa ma perfettamente agibile. L’allevatore ha messo a disposizione la struttura per ospitare il bestiame dei colleghi in difficoltà per via del terremoto. “La stalla ha tutti i requisiti di sicurezza e i servizi – spiega Staffolani – E’ di mia proprietà e la potrei mettere a disposizione della protezione civile o degli enti senza nessuna difficoltà. Il sindaco di Treia, Franco Capponi, ha trasmesso la mia istanza a tutti gli enti preposti ma ci fosse stato uno che ha preso in mano la questione. Se non altro semplicemente per spendere meno soldi pubblici ed ottenere lo stesso risultato”.

azienda-staffolani

Le stalle messe a disposizione da Staffolani

Il nodo si stringe intorno alla realizzazione di alcune tensostrutture per degli allevatori con stalle inagibili, in un’area di 500 metri a nord dell’azienda di Staffolani in località Scito di Treia. “La costruzione consiste in 3 moduli di tela di pvc (da 45mila euro ognuno), verrà realizzata in una zona a vincolo di crinale e in un’area con una visuale che va protetta e tutelata- dice Staffolani, ex vice presidente di Copagri provinciale -. Lì vicino, tra l’altro, sorge una bellissima villa appena restaurata. Secondo me anziché costruire nuove strutture dovrebbero essere utilizzate quelle esistenti e che vengono messe a disposizione si risparmierebbero soldi pubblici”.

chieanuova-stalle-7-650x366

chiesanuova-stalle-7-650x366

chiesanuova-stalle-4-650x366

chiesanuova-stalle-3-650x366

chiesanuova-stalle-2-650x366

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X