A San Ginesio è rimasto solo l’ostello

SISMA - E' l'unica struttura pubblica agibile ed è utilizzata per ospitare gli sfollati. Crollata parte della facciata della chiesa di San Francesco, inagibile l'accesso al paese da porta Ascarana. Danni anche all'auditorium Sant'Agostino. Rinviato l'attesissimo #primachefacciafreddo, concerto di solidarietà che avrebbe ospitato ben 25 band in due giorni
- caricamento letture

san-ginesio-2

La chiesa di San Francesco

 

A San Ginesio le due scosse di ieri, sopratutto la seconda, hanno provocato crolli di parti di chiese ed edifici privati, particolarmente nel centro storico. Alcune strade di accesso al centro sono interrotte e la situazione viabilità è critica, tenuto anche conto che in precedenza erano state già chiuse strade di accesso al paese. Da Porta Ascarana è inibito l’accesso al centro poiché è crollata parte della facciata della chiesa di San Francesco, fortunatamente in un momento in cui non vi erano né auto né pedoni. Le scuole sono state precauzionalmente chiuse, anche se dalle prime verifiche tecniche non hanno subito alcun danno. Le criticità aumentano di ora in ora, soprattutto per via delle continue segnalazioni di aggravamento delle lesioni ad abitazioni già danneggiate dal primo terremoto del 24 agosto, parecchie delle quali rese del tutto inagibili.

 

san-ginesio-11San Ginesio, il “paese delle 100 chiese”, non ne ha più aperta neanche una. Perfino la ex chiesa ora Auditorium Sant’Agostino ha subito lesioni letali al suo interno. L’Auditorium aveva ben retto al sisma di agosto e fino a ieri era l’unica struttura per funzioni religiose, per concerti e per tutte le varie iniziative del paese. In pratica, a parte le scuole e le palestre, l’unica struttura pubblica ora agibile è l’ostello, ove per questa prima emergenza sono alloggiati gran parte degli sfollati, il cui numero è di ora in ora crescente.

san-ginesio-9

 

Tutti gli appuntamenti prossimamente in programma sono stati rimandati a data da destinarsi. Tra questi l’attesissimo #primachefacciafreddo – Concerto di solidarietà per San Ginesio che il prossimo week end doveva portare nel borgo la musica solidale di ben 25 band del calibro di Ginevra DI Marco, Dente, Gang, Paolo Benvegnù, Serena Abrami, ed altri musicisti perlopiù marchigiani con anche la musica celtica di Montelago Celtic Festical, con migliaia di persone pronte ad accogliere l’invito di solidarietà dell’amministrazione e delle associazioni sanginesine. Ma il terremoto, arrivato prima, non può spazzar via anche gli ultimi sogni. Il concerto di solidarietà per San Ginesio si terrà, è solo rimandato a data da destinarsi. Nel comune le scuole sono chiuse fino al 2 novembre.

san-ginesio-7

san-ginesio-5

san-ginesio-4

san-ginesio-3

san-ginesio-10

 

san-ginesio-8

san-ginesio-7

san-ginesio-6



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X