Sangiustese, difesa bunker
Romagnoli: “Merito di tutta la squadra”

PROMOZIONE - Il centrale, ex Maceratese, racconta il momento della formazione rossoblu, capolista del girone B con soli dieci gol subìti: "Vogliamo vincere più partite possibili per aumentare il distacco sulle inseguitrici"
- caricamento letture

 

Andrea Romagnoli in azione

Andrea Romagnoli in azione (foto Fabrizio Ottavi)

 

di Michele Carbonari

Vola la Sangiustese in testa al campionato di Promozione girone B. Sono sette le lunghezze che dividono la capolista dalla Lorese, prima delle inseguitrici. Dopo un’ottima prima parte di stagione la compagine rossoblù è rientrata dalla sosta con una doppia sconfitta ma poi ha ripreso la marcia che l’ha contraddistinta fino a dicembre. A fare il punto della situazione è il trentenne difensore Andrea Romagnoli, un passato importante con la maglia della Maceratese e ora leader difensivo della compagine allenata da mister Matteo Marcaccio.

Come giudica il campionato della Sangiustese finora?

«Nel girone di andata abbiamo fatto un cammino quasi perfetto. Poi, se andiamo a vedere, nell’arco di venti giornate due sconfitte ci possono stare. Ora l’importante è andare avanti e vincere più partite possibili per aumentare il distacco sulle altre. Volevamo fare un campionato importante e ci stiamo riuscendo tenendo un buon ritmo».

Avete anche la miglior difesa del torneo, dato che la dice lunga sulla vostra solidità. E’ questo il vostro vero punto di forza?

«Abbiamo incassato solo dieci gol, tenendo conto che quattro di questi sono arrivati in due partite. Da difensore sono molto soddisfatto ma sicuramente il merito è anche di tutta la squadra. Siamo anche un bellissimo gruppo e di questo sono felice, la sintonia si sente sia dentro che fuori dal campo. Con il mister c’è un buon rapporto, la società tiene molto a noi ed è sempre presente».

Andrea Romagnoli con la maglia della Maceratese

Andrea Romagnoli in azione con la maglia della Maceratese, con cui ha vinto un campionato di Eccellenza

Facciamo un passo indietro, è stato per diversi anni nella Maceratese. Che ricordi ha di quel periodo e come la vede adesso?

«Ho giocato nella Maceratese dal secondo anno dei giovanissimi fino al 2011. Ho esordito in prima squadra nel 2004 e vincemmo il campionato d’Eccellenza. A Macerata ho lasciato tanti bei ricordi, ci sono cresciuto e ho conosciuto molta gente. Adesso che è nei professionisti sono contento, è una piazza che meriterebbe anche la serie B».

Quali sono i suoi obiettivi?

«Sarebbe il massimo non incassare più reti e rimanere a dieci gol subìti. Ovviamente spero che riusciremo a tagliare il traguardo da vincitori, sarei felice di restare anche l’anno prossimo, impegni lavorativi permettendo, perchè in questa società non manca nulla».

Domenica affronterete il Montefano, sfida che mette di fronte la miglior difesa e miglior attacco. Che gara si aspetta?

«Sarà una bella partita, mi auguro che i tre punti vadano alla Sangiustese».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =