facebook twitter rss

“No agli omicidi, pene certe”
Convegno con Jennifer Sarchiè

MACERATA - Venerdì all'Asilo Ricci la giornata di studi promossa dall'associazione Famiglia C'è
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
174 Condivisioni
Jennifer Sarchiè

Jennifer Sarchiè

“No agli omicidi, pene certe”, si intitola così la giornata di studi promossa dall’Associazione Famiglia C’è, da anni attiva a livello nazionale per garantire la tutela dei diritti delle famiglie, assistere le vittime di stalking ed i familiari delle vittime di omicidi efferati, settore di cui è referente nazionale Jennifer Sarchiè, figlia di Pietro, il commerciante di pesce barbaramente ucciso l’anno scorso a san Severino. L’evento che ha l’obiettivo di attivare partecipazione ed azioni coordinate, per avere una legge nazionale che assicuri la certezza della pena da scontare, in particolare in caso di delitti efferati, si terrà venerdì 20 novembre all’ostello Asilo Ricci, dalle 11.30 alle 17, alla presenza di Marina Brasiello, presidente nazionale dell’Associazione e di Orietta Quarchioni, referente anti-stalking Macerata. Sono stati invitati come ospiti Giovanni Giorgio (procuratore capo Procura Repubblica Macerata), Antonio Pettinari (presidente della Provincia di Macerata), Irene Manzi (onorevole deputato della Camera), colonnello Stefano Di Iulio (comandante provinciale Arma Carabinieri). Tra i relatori il procuratore capo presso la procura della Corte di Appello di Ancona Vincenzo Macrì, Luca Russo analista forense, Luca Paolini componente della commissione antimafia, la psicologa Maria Rita Marcheggiani, la criminologa Luana Campa, Sandro Evangelisti perito balistico, Carlo Prezotti assistente ingegnere, Alberto Marsili Feliciangeli avvocato dell’Associazione Famiglia C’è. Apre la mattinata il sindaco di Macerata Romano Carancini.

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X