Papa Pio IX e Macerata

PILLOLE DI STORIA - Nella biblioteca Mozzi Borgetti sono conservate le schede con cui Giovan Maria Mastai Ferretti di Senigallia venne eletto pontefice
- caricamento letture
Papa Pio IX,Giovanni Maria Mastai Ferretti (Senigallia, 13 maggio 1792 – Roma, 7 febbraio 1878), terziario francescano, è stato il 255º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica e 163º ed ultimo sovrano dello Stato Pontificio (1846-1870). Il suo pontificato, di 31 anni, 7 mesi e 23 giorni, rimane il più lungo della storia della Chiesa cattolica dopo quello di san Pietro. È stato proclamato beato nel 2000.

Papa Pio IX,Giovanni Maria Mastai Ferretti

di Mario Monachesi

La biblioteca comunale “Mozzi Borgetti” custodisce numerosi cimeli storici. Tra questi annovera le schede con cui Giovan Maria Mastai Ferretti di Senigallia il 16 giugno 1846, dopo due giorni di conclave e quattro di scrutini, venne eletto Papa con il nome di Pio IX
Macerata e Pio IX hanno avuto stretti legami. Isabella Mastai Ferretti, sorella di Giovan Maria, il futuro Papa, sposa nel 1842, all’età di 55 anni, il conte Girolamo Benigni, vedovo, e va con lui a vivere lungo la “strada di Mandiroli” (attuale via Crescimbeni 42). All’ascesa al soglio di Pietro del fratello, questa via si riempie di folla acclamante
Un mese più tardi, da una delle finestre del palazzo, Isabella accoglie l’omaggio dei maceratesi grati al Papa per l’anmistia concessa ai condannati politici.
Ben presto però gli entusiasmi si raffreddano. Dal 13 al 15 maggio 1857 Pio IX è ospite della città, ma scarse sono le feste in suo onore. A Macerata (durante la Repubblica Romana) viene condotto come prigioniero Gaetano, fratello del pontefice. Isabella, sempre più depressa e nel frattempo rimasta vedova, si ritira nel monastero delle Cappuccine di San Vincenzo in via Berardi. Morirà il 24 dicembre 1865 a 78 anni. La salma riposa nel nostro cimitero.
Forse è stato questo legame ad aver permesso alla nostra Biblioteca di acquisire i quattro storici “schedoni”. Per la cronaca, in Cattedrale si conserva un calice di questo Papa opera di un orafo tedesco del secolo XVIII.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X