Schianto con auto rubata,
inseguimento da brividi e spari
Arrestato un 25enne, caccia ai complici

CIVITANOVA - Due vetture si sono scontrate nel quartiere di Fontespina. A causare l'incidente un albanese che aveva saltato lo stop e che poi è scappato a piedi. L'uomo è stato preso poco dopo. Gli agenti hanno esploso colpi di pistola alle gomme dell'auto per bloccarlo. Nella fuga il malvivente ha cercato di investire un poliziotto
- caricamento letture

IMG_8746

L'incidente lungo la statale

L’incidente lungo la statale

 

di Laura Boccanera

Inseguito dalla polizia scappa e provoca un incidente. Pomeriggio rocambolesco nel quartiere di Fontespina, a Civitanova, dove un albanese a bordo di un’auto rubata ha seminato il panico verso le 16,30. Dopo essere fuggito all’alt e bruciato uno stop il malvivente, K. M., 25 anni, di origine albanese, ha finito la corsa con l’auto lungo la strada statale 16 all’altezza di via Quattro Marine, quando si è scontrato con una vettura proveniente da nord guidata da Andrea Perini, civitanovese di 41 anni, molto conosciuto per la militanza nelle associazioni di volontariato e residente in via Conchiglia. Testimoni raccontano che la folle corsa dell’Audi A3, che risulta rubata, è iniziata già in via Marinai d’Italia. E’ lì che una volante e un’auto civetta del commissariato erano intervenute in seguito alle segnalazioni relativamente ad una Audi A3. L’auto era in sosta e gli accertamenti sulla targa hanno mostrato che era rubata. Ad un certo punto è giunta una seconda auto da cui è sceso il 25enne che ha lasciato due persone (rimaste a bordo dell’altra vettura) e si è messo al volante dell’Audi. Il giovane ha notato la presenza della polizia e a quel punto con una manovra azzardata è uscito dal parcheggio. Un poliziotto ha cercato di fermarlo ma l’albanese ha tirato dritto e ha quasi investito l’agente (poi soccorso in ospedale). A quel punto un altro poliziotto ha estratto la pistola e ha sparato alle gomme dell’Audi cercando di bloccare la fuga del 25enne. E’ a quel punto che il ladro ha iniziato a correre a velocità forsennata e dopo aver imboccato via Quattro Marine è sbucato sulla statale 16 e ha saltato uno stop cercando di immettersi in direzione nord.

IMG_8747La curva però l’ha presa male e proprio in quel momento è sopraggiunta la Fiat Bravo condotta dal civitanovese. Le due auto si sono scontrate frontalmente, è seguita una carambola varie volte prima di arrestarsi sull’altra corsia di marcia, quella sud-nord. La Bravo si è schiantata contro il muretto di recinzione della ferrovia con gli airbag aperti, l’Audi anche è ridotta male. Il 25enne ha tentato la fuga a piedi e si è diretto verso l’abitato di Fontespina rincorso dagli agenti di polizia. Ha attraversato le stradine che tagliano il quartiere e, arrivato in via Barbarigo, è entrato all’interno di una abitazione, ha scavalcato la recinzione e una rete che divide due abitazioni e ha cercato di arrampicarsi su di un capannone di circa 3 metri di altezza. Il tetto però non ha retto e si è sfondato. A quel punto la polizia è riuscita a bloccare l’uomo. L’albanese, portato in commissariato per accertamenti, è stato arrestato. Potrebbe venirgli contestato il tentato omicidio sia per l’incidente provocato sulla statale, sia per aver quasi investito l’agente. Anche il 25enne è stato curato per le ferite riportate nello scontro lungo la statale. Sull’Audi sono stati trovati arnesi da scasso e dei passamontagna. Sono in corso le ricerche delle altre due persone che si trovavano sull’auto da cui è sceso l’albanese.

Ferito il conducente della Bravo che è stato subito portato in pronto soccorso in codice rosso, in realtà poi le sue condizioni, una volta giunto in ospedale, non sono state ritenute così gravi dai sanitari e non sembrerebbe in pericolo di vita.

 

 (Servizio aggiornato alle 21,40)

IMG_8737

Una delle auto incidentate

 

Il ladro è stato braccato dagli agenti dopo aver sfondato un capannone in via Barbarigo

Il ladro è stato braccato dagli agenti dopo aver sfondato un capannone in via Barbarigo

IMG_8745



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X