A. Pozzi, “Sgorgo”

da "Poesie" (Garzanti, 2001)
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Antonia-Pozzi

Antonia Pozzi

 

Antonia Pozzi, Sgorgo
Per troppa vita che ho nel sangue
tremo
nel vasto inverno.

E all’improvviso, come per una fonte che si scioglie
nella steppa,
una ferita che nel sonno
si riapre,

perdutamente nascono pensieri
nel deserto castello della notte.

Creatura di fiaba, per le mute
stanze, dove si struggono le lampade
dimenticate,
lieve trascorre una parola bianca:
si levano colombe sull’altana
come alla vista del mare.

Bontà, tu mi ritorni:
si stempera l’inverno nello sgorgo
del mio più puro sangue,
ancora il pianto ha dolcemente nome
perdono.

 

Antonia Pozzi, da Poesie (Garzanti, Gli elefanti, 2001)

Logo-DIRETTONOTTE4-450x246



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X