La Lube ha un’arma a distanza
Randazzo show contro Trento
“Sogno di tornare a Macerata”

IL PERSONAGGIO - Lo schiacciatore 19enne di Vibo Valentia è stato l'assoluto protagonista della rimonta contro i campioni d'Italia. I biancorossi hanno tra le mani un potenziale campione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Luigi Randazzo

Luigi Randazzo

di Andrea Busiello

7 dicembre 2013. Una data che Luigi Randazzo conserverà gelosamente nell’album dei ricordi. Il 19enne schiacciatore di Vibo Valentia (ma di proprietà della Lube) è stato premiato come MVP del match Vibo Valentia-Trento, dove i padroni di casa sono prima andati sotto 0-2 e poi, grazie anche alla prova superlativa dello schiacciatore siciliano, sono riusciti nell’impresa di vincere al tie break contro i campioni d’Italia che fino a ieri avevano perso una sola partita: “Una soddisfazione immensa – dice Randazzo – Trento è una squadra fortissima e batterla in casa in questa maniera è stato bellissimo. Per me la soddisfazione è stata doppia visto il premio a fine gara e i 20 punti messi a segno”.

Dalla B1 alla serie A1: un salto grande per lei quest’estate…

“Si. Si è presentata questa opportunità e l’ho presa al volo. A dire il vero il salto non l’ho sentito troppo perchè l’anno scorso ho avuto l’opportunità di allenarmi con costanza con la prima squadra della Lube ed ho imparato davvero tanto”.

Nel suo ruolo in squadra ci sono Cisolla e Ogurcak: eppure sta trovando parecchio spazio…

“Loro sono due campioni affermati. Io un ragazzo giovane che ha tanta voglia di mettersi in mostra. Ho un ottimo rapporto con coach Blengini e mi sta dando l’opportunità di giocare con costanza. Io devo solo pensare ad allenarmi bene tutte le settimane e tutte le volte che il coach mi chiama in causa devo cercare di farmi trovare pronto”.

Con la maglia della Lube ha vinto molto con le giovanili. Si sentirebbe pronto per tornare in prima squadra a fine stagione?

“Al momento è molto difficile rispondere a questa domanda. Di sicuro, giocare con la maglia della Lube per me rappresenta un sogno ma so bene che la rosa è composta da grandi campioni. Io devo pensare a lavorare sodo e cercare di crescere sotto tutti i punti di vista, poi a fine anno faremo tutte le valutazioni necessarie per trovare la soluzione migliore”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Donazioni
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X