Prof taglia la cresta a tre studenti?
“Solo una sforbiciatina, per gioco”

- caricamento letture
istituto-680x300

L’Itcg Filippo Corridoni a Civitanova Alta

di Laura Boccanera

«Abbassa la cresta» ai suoi studenti e una docente finisce nel vortice della polemica. Ha fatto scalpore e rapidamente di bocca in bocca la notizia che un’insegnante di lettere e storia, ieri avrebbe dato una sforbiciatina ai capelli di tre suoi studenti è diventata di dominio pubblico. In realtà però in pochissimi oggi sapevano chi fosse la docente e se quanto raccontato fosse vero. La curiosità ovviamente è divampata e anche tra i ragazzi dell’Itc è scattata subito la verifica di quanto veniva riportato. Secondo la voce che si era diffusa, l’insegnante, da anni docente nell’istituto scolastico cittadino Itcg Corridoni, ieri in un impeto o forse per punizione avrebbe tagliato le creste tanto di moda fra i giovani a 3 allievi del 2°N, indirizzo geometri. Un metodo educativo forse un po’ violento per insegnare che occorre un certo decoro e che quelle creste poco si addicevano a futuri geometri.
Gli studenti che però conoscono i tre “galli cedroni”, tutti 15enni, si sono fatti una bella risata, ridimensionando di molto l’accaduto e affermando che in realtà il taglio alla “El Shaarawy” fa ancora capolino sulle teste degli studenti e che quindi la cresta è ancora lì. «In realtà i capelli con la cresta ce l’hanno ancora – dice una studentessa che frequenta il quarto anno dell’indirizzo linguistico -, e poi i ragazzi non erano tre, ma solo uno». I colleghi della docente questa mattina sono stati presi alla sprovvista dalla notizia, non sapevano nulla e anche loro affermano che in realtà dietro al gesto non ci sia né una punizione esemplare, né tanto meno un’azione sdegnata per una moda poco usuale, ma liquidano il tutto come uno scherzo, una ciocca tagliata per “giocare” con lo studente che era comunque consenziente. I colleghi difendono la Prof, la descrivono come molto scrupolosa e seria e ne prendono le difese facendo scudo attorno a lei. Un’altra studentessa riferisce anche che l’insegnante di lettere incriminata non abbia preso bene la popolarità mediatica scaturita dalla notizia e questa mattina con una classe pare si sia sfogata fino alle lacrime per quel suo gesto un po’ leggero al quale è stato dato un peso e una visibilità di rilevante portata. A difendere la docente anche alcuni genitori: «La minaccia del taglio dei capelli è uno scherzo che faceva sempre, è un gioco, nulla di più, si è fatto di un gioco un affare nazionale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X