Sono 13 mila i settempedani,
ma nessuno si chiama Luciano

SAN SEVERINO - In città ci sono ben 8 ultracentenari, 92 bimbi nati nell'ultimo anno, diminuiscono gli stranieri residenti. E' questa la fotografia che emerge dall'annuario statistico dell'Ufficio Anagrafe
- caricamento letture

PiazzaSanSeverino-Grandedi Carmen Russo

Ben 12.965 abitanti, più donne che uomini, una popolazione relativamente giovane , ma con un aumento degli indici di vecchiaia e di invecchiamento. Questo quello che emerge dall’annuario statistico dell’Ufficio Anagrafe del Comune di San Severino che ha, per così dire, scattato una fotografia sulla cittadina maceratese nel corso dell’anno 2012.

Dei quasi 13 mila settempedani, 7 mila hanno un’età compresa tra i 20 e i 64 anni, e circa 3.500 persone hanno più di 65 anni. Le famiglie risultano essere poco numerose, la maggior parte formate da una sola persona (33,06%) con l’altro estremo di nucleo familiare, formato addirittura da più di sette persone (0,22%). Numeri negativi per il rapporto tra mortalità e  natalità, rispettivamente 174 i defunti e 92 i nati nel 2012. Di questi novantadue piccoli, ancora una volta al primo posto ci sono le femminucce, 51 rispetto ai 41 maschietti. Vince il record di longevità un nonnino nato nel 1910, seguito da altri 7 ultracentenari. Alessandro e Sara, i nomi in cima alla lista negli ultimi venti anni per i neo genitori, dei quali tra l’altro diminuisce l’età, seguiti da Lorenzo e Andrea e da Giulia  e Paola. Il cognome più diffuso è Rocci, seguito a ruota (una sola unità di differenza) dai Vissani, ma sono cresciuti a dismisura anche i Paciaroni. Solo 36 coppie sono convolate a nozze nel 2012, ma gli sposi di San Severino restano ancora tradizionali, continuando a preferire il rito religioso (21) a quello civile (15).
SanSeverinoPanoramaSull’onda nazionale ecco che anche per San Severino aumenta la fuga oltre le frontiere italiane. Circa 2500 i cittadini all’estero, soprattutto in America, ben 1897 di cui 1638 risiedono in Argentina, invece poco meno di 450, risiedono nel resto dell’Europa.
Questo “ammanco” di popolazione viene, in parte, colmato dai 1186 stranieri residenti a San Severino, leggermente diminuiti comparando il 2012 all’anno precedente. Abitano il paese maceratese in maggior numero gli albanesi, seguiti da romeni, indiani, marocchini, ucraini, nigeriani, macedoni, senegalesi e, infine, cinesi.
Tante piccole curiosità sono emerse dall’indagine. San Severino è uno dei territori comunali più grandi delle Marche, la cui zona più abitata è il centro storico. Ci sono ben 37 famiglie con figli gemelli, solo una con 3 gemelli. Sedici bambini sono nati in altri comuni italiani da famiglie settempedane, ma nessuno all’estero. Le donne over 90 sono 168, a fronte dei 70 coetanei di sesso maschile. In egual numero bambini e bambine fino ai 4 anni. Ai settempedani non piace il nome Luciano; nessun bambino, dal 1981 in avanti, è stato chiamato con questo nome e dai dati dell’Ufficio Anagrafe risultano essere residente un solo Franco e un solo Sandro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X